investment viewpoints

    I vantaggi delle obbligazioni convertibili nei periodi di incertezza

    I vantaggi delle obbligazioni convertibili nei periodi di incertezza
    Natalia Bucci - Co-head of Convertible Bonds

    Natalia Bucci

    Co-head of Convertible Bonds
    Arnaud Gernath - Co-head of Convertible Bonds

    Arnaud Gernath

    Co-head of Convertible Bonds

     

    Messaggi importanti:

    • La struttura che contraddistingue le obbligazioni convertibili può aiutare gli investitori a muoversi nel contesto attuale caratterizzato da volatilità e rotazione degli stili, dovuto a sua volta all’aumento dell’inflazione e all’irrigidimento delle politiche monetarie negli Stati Uniti.
    • Gli aspetti potenzialmente vantaggiosi per questa asset class sono, a nostro avviso, la tempistica, il contesto dell’offerta e le caratteristiche tecniche.
    • Il nostro processo di selezione mira a sfruttare le valutazioni interessanti, le peculiarità regionali, la sensibilità azionaria e le anomalie di prezzo.

     

    La volatilità si addice alle obbligazioni convertibili

    La volatilità è diventata più pronunciata poiché i timori inflazionistici spingono un gran numero delle principali banche centrali – e soprattutto la Federal Reserve degli Stati Uniti – ad avviare un ciclo di irrigidimento. Le tensioni geopolitiche derivanti dalla crisi in Ucraina hanno aggravato le brusche oscillazioni del mercato.

    Questa incertezza crea condizioni favorevoli per il profilo di rendimento asimmetrico1 delle obbligazioni convertibili: si direbbe che la volatilità sia una condizione che si addice a questa asset class. Alla luce del contesto attuale, quali caratteristiche specifiche di questa asset class e quali tendenze nell’offerta potrebbero presentare dei vantaggi?

     

    Un riparo dalla volatilità azionaria

    La prospettiva di un aumento dei costi di finanziamento sta determinando una rotazione nel mercato azionario dalle società growth a quelle value, la terza dall’inizio del 2021. In ottica azionaria, l’esposizione delle obbligazioni convertibili, come asset class, alle società più sensibili alla rotazione è in forte calo dal febbraio 2021. Dopo ripetute rotazioni dal segmento growth a quello value, le obbligazioni convertibili emesse da società high-growth si sono ora avvicinate ai rispettivi bond floor, presentando alcune proprietà difensive rispetto agli attuali prezzi azionari.

    Con l’avvio di un ciclo di inasprimento da parte di numerose banche centrali, gli investitori sono in cerca di un’alternativa sostenibile alle tradizionali strategie obbligazionarie per coprire i portafogli in caso di correzione dei mercati azionari. Le obbligazioni convertibili presentano un duplice vantaggio: offrono un elemento di protezione2 contro la volatilità del mercato e una minore esposizione diretta ai tassi d’interesse, grazie all’integrazione dell’opzione azionaria.

    L’arretramento del prezzo azionario implica che alcune obbligazioni convertibili sono ora diventate titoli di credito puri. Offrono agli investitori obbligazionari la possibilità di detenere uno strumento con una minore esposizione ai tassi d’interesse e l’opzione di partecipare al rialzo delle azioni, nel caso in cui il prezzo di queste ultime dovesse salire in misura sufficiente a ripristinare una certa opzionalità. Per alcuni emittenti, le opzioni convertibili sono l’unico debito negoziabile, il che offre agli investitori obbligazionari ulteriore potenziale.

     

    In che misura l’offerta favorisce un approccio incentrato sulla qualità?

    Nel 2020 e nel 2021 un mercato primario particolarmente attivo ha creato un profondo bacino di opportunità di investimento in obbligazioni convertibili, che va ad aggiungersi a quello delle poco redditizie società high-growth che durante la recente rotazione hanno cessato di essere appetibili. Secondo il nostro team di ricerca azionaria, gli investitori non dovrebbero preoccuparsi eccessivamente di scegliere uno stile anziché un altro. Al contrario, ci concentriamo sulla qualità e cerchiamo di generare alfa a prescindere dallo stile, sia nei titoli growth che in quelli value.

    Le emissioni di obbligazioni convertibili permettono agli investitori di fare esattamente questo. I circa 150 miliardi di dollari di emissioni in ciascuno degli ultimi due anni consentono alla classe di attivo di trarre vantaggio da nuove operazioni che offrono esposizione a un mix diversificato di temi e stili di investimento. Ad esempio, su questo mercato sono sbarcate alcune società blue chip come Siemens, Ford e KPN3. Le emissioni del 2021 contrastano nettamente con le tendenze del 2020, quando le società high-growth hanno aumentato l’offerta nel tentativo di (ri)finanziarsi durante la crisi del Covid-19.

    Allo stesso tempo, l’offerta consente agli investitori di puntare sulle società leader nella transizione verso lo zero netto. Il considerevole livello di emissioni registrato nel 2020 e 2021 non solo ha comportato la crescita dell’universo delle obbligazioni convertibili globali a circa 500 milioni di dollari, ma ha anche consentito l’aggiunta di numerosi fornitori di soluzioni che offrono input produttivi alle aziende direttamente impegnate nella transizione climatica. Si va dai produttori di semiconduttori per i veicoli elettrici o produttori di veicoli elettrici stessi, come Li Auto2, ai produttori di apparecchiature per l’energia elettrica, come Schneider Electric2.

     

    I fattori tecnici sono favorevoli?

    Sì. Secondo i nostri calcoli, nell’attuale contesto di volatilità dei mercati questa asset class è tecnicamente conveniente e presenta un elevato livello di asimmetria rispetto alle oscillazioni del mercato azionario. Come illustrato nella figura 1, molte obbligazioni convertibili vengono attualmente scambiate sotto quello che è considerato il “valore equo”.

     

    Figura 1. Valutazioni delle obbligazioni convertibili: confronto tra prezzo di mercato e valore equo

     
     

    Converts in uncertain times_IT.svg

    Fonte: Nomura, LOIM. Il prezzo di 0 rappresenta il valore equo. A soli fini illustrativi. 

     

    Sapersi muovere nei mesi a venire

    In questa asset class privilegiamo strategie semplici, ad esempio:

    • In chiave geografica, esposizione selezionata alla Cina e focus sull’Europa a scapito degli Stati Uniti
    • Ridimensionamento delle posizioni che non presentano alcun potenziale di rialzo azionario, hanno attributi di rendimento poco interessanti e profili di credito poco convincenti
    • Riduzione delle posizioni con un’elevata sensibilità azionaria ai rialzi del mercato azionario
    • Acquisto di titoli che hanno subito una riduzione di prezzo in seguito a ulteriori rotazioni di stile
     

    Il nostro parere. Riteniamo che le caratteristiche difensive delle obbligazioni convertibili e un approccio alla selezione basato sulla qualità possano aiutare gli investitori a superare i momenti di volatilità e generare un’interessante performance corretta per il rischio.

    Fonti

    [1] Breve promemoria su questa asset class: le obbligazioni convertibili sono uno strumento ibrido. L’opzione azionaria integrata in un’obbligazione convertibile offre a questa tipologia di titolo un’esposizione alle quotazioni azionarie. Viceversa, le caratteristiche obbligazionarie possono proteggere gli investitori dalle oscillazioni dei corsi azionari, fissando un bond floor. Le obbligazioni convertibili presentano quindi un profilo di rendimento asimmetrico che offre opportunità di rialzo e protezione dai ribassi.
    [2] La protezione del capitale rappresenta un obiettivo di costruzione del portafoglio che non può essere garantito.
    [3] Eventuali riferimenti a società o titoli specifici non costituiscono una raccomandazione.all’acquisto, alla vendita, alla detenzione o all’investimento diretto in tali società o titoli. Non si deve in alcun modo ritenere che le raccomandazioni formulate in futuro genereranno una remunerazione o eguaglieranno la performance dei fondi discussi nel presente documento.

    Informazioni importanti.

    Ad uso esclusivo di investitori professionali
    Il presente documento è pubblicato da Lombard Odier Asset Management (Europe) Limited, una società autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority (“FCA”), iscritta nel registro FCA con il numero 515393.
    Lombard Odier Investment Managers (“LOIM”) è un nome commerciale.
    Questo documento è fornito esclusivamente a scopo informativo e non costituisce un’offerta o una raccomandazione di acquisto o vendita di titoli o servizi. Non è destinato alla distribuzione, alla pubblicazione o all’uso in qualsiasi giurisdizione in cui tale distribuzione, pubblicazione o uso sarebbe illegale. Il presente materiale non contiene raccomandazioni o consulenze personalizzate e non intende sostituire un’assistenza professionale in materia di investimenti in prodotti finanziari. Prima di effettuare qualsiasi operazione, l’investitore deve considerare attentamente l’idoneità di un’operazione alla sua particolare situazione e, se necessario, ottenere una consulenza professionale indipendente sui rischi e le eventuali conseguenze legali, regolamentari, creditizie, fiscali e contabili. Il presente documento è proprietà di LOIM ed è rivolto al destinatario esclusivamente per uso personale. Non può essere riprodotto (in tutto o in parte), trasmesso, modificato o utilizzato per qualsiasi altro scopo senza il previo consenso scritto di LOIM. Questo documento contiene le opinioni di LOIM alla data di pubblicazione.
    Né il presente documento né copie di esso possono essere inviati, portati, o distribuiti negli Stati Uniti d’America, in uno dei suoi territori o possedimenti o aree soggette alla sua giurisdizione, o a beneficio di un Soggetto Statunitense. A tal fine, il termine “Soggetto Statunitense” indica qualsiasi cittadino, di nazionalità o residente degli Stati Uniti d’America, società di persone organizzata o esistente in qualsiasi stato, territorio o possedimento degli Stati Uniti d’America, una società di capitali organizzata secondo le leggi degli Stati Uniti o di qualsiasi stato, territorio o possedimento degli stessi, o qualsiasi proprietà o trust che sia soggetto all’imposta federale sul reddito degli Stati Uniti d’America indipendentemente dalla fonte del suo reddito.
    Fonte delle cifre: se non diversamente specificato, le cifre sono preparate da LOIM.
    Sebbene alcune informazioni siano state ottenute da fonti pubbliche ritenute affidabili, senza una verifica indipendente, non possiamo garantire la loro accuratezza o la completezza di tutte le informazioni disponibili da tali fonti pubbliche.
    I punti di vista e le opinioni espresse hanno solo scopo informativo e non costituiscono una raccomandazione da parte di LOIM di acquistare, vendere o detenere alcun titolo. I giudizi e le opinioni sono validi alla data della presentazione, possono essere soggetti a modifiche e non devono essere interpretati come consigli di investimento.
    Il presente documento non può essere (i) riprodotto, fotocopiato o duplicato, in alcuna forma o maniera, né (ii) distribuito a persone che non siano dipendenti, funzionari, amministratori o agenti autorizzati del destinatario, senza il previo consenso di Lombard Odier Asset Management (Europe) Limited. Nel Regno Unito, questo documento rappresenta materiale di marketing ed è stato approvato da Lombard Odier Asset Management (Europe) Limited, che è autorizzata e regolamentata dalla FCA. ©2022 Lombard Odier IM. Tutti i diritti riservati.