Il clima al centro dell’agenda di Biden

    Il clima al centro dell’agenda di Biden
    Christopher Kaminker, PhD - Group Head of Sustainable Investment Research, Strategy & Stewardship

    Christopher Kaminker, PhD

    Group Head of Sustainable Investment Research, Strategy & Stewardship

    L’elezione di Biden potrebbe rappresentare un altro segnale promettente e una nuova spinta per le nostre strategie CLIC™.

    Negli ultimi mesi, in tutta l’Asia, abbiamo assistito a un forte irrigidimento dei target per raggiungere lo zero netto - con gli annunciati incrementi degli obiettivi da parte di Cina, Giappone e Corea del Sud - e il Green Deal della UE è fortemente incentrato sulle strategie CLIC™, come l’economia circolare, la decarbonizzazione e la natura. Anche il settore privato ha accelerato gli sforzi e, ad ottobre, sono diventate 77 le aziende che hanno sposato l’iniziativa SBT di impostazione di obiettivi basati sulla scienza, superando il precedente record di 60 raggiunto nel mese di giugno. Queste società si sono impegnate a ridurre le rispettive emissioni in linea con uno scenario “ben al di sotto di 2°C” e, complessivamente, l’iniziativa ha superato la soglia di 1.000 aziende a inizio ottobre, a dimostrazione della rapidità con cui il settore privato è pronto a definire i propri target di riduzione delle emissioni.

    E, con l’insediamento di un nuovo presidente che ha fatto del clima uno dei cavalli di battaglia della propria agenda elettorale, è prevedibile un aumento degli investimenti in tecnologie e infrastrutture verdi anche negli Stati Uniti. Biden ha annunciato a luglio il proprio piano per affrontare la crisi climatica, un piano che si propone di intervenire sull’energia verde (anche l’idrogeno rinnovabile), i trasporti e le infrastrutture nell’ambito dell’agenda “Build Back Better”, e che stanzia 2.000 mld di USD di investimenti su quattro anni. Il programma di Biden è focalizzato sui settori sui quali si concentrano anche gli investimenti nei “segmenti in corso di transizione” della nostra Climate Transition Strategy, una strategia quindi posizionata per acquisire sempre più slancio grazie alla prevista introduzione di nuove regolamentazioni a livello globale e alla fortissima spinta che gli Stati Uniti imprimeranno alle forze che già agitano i mercati.

    È prevedibile un aumento degli investimenti in tecnologie e infrastrutture verdi anche negli Stati Uniti

    La prevista Blue Wave non si è concretizzata al Congresso e Biden non si è assicurato (per ora) la maggioranza al Senato, ma ha dichiarato che il Paese rientrerà nell’Accordo di Parigi sul cambiamento climatico a partire dal giorno del suo insediamento. Gli Stati Uniti hanno formalmente abbandonato l’Accordo il 4 novembre 2020 ma possono chiedere di rientrarvi senza l’approvazione del Congresso e la loro riammissione diventerebbe ufficiale dopo 30 giorni, cioè nel febbraio 2021. Questo manderebbe alla nazione e al mondo intero un potente segnale di cambiamento della governance statunitense.

    Secondo il Clean Energy Plan di Biden “gli Stati Uniti intraprenderanno un percorso irreversibile per raggiungere lo zero netto a livello dell’intera economia, entro e non oltre il 2050”. Ma il Congresso è diviso e resta da vedere se Biden sarà effettivamente in grado di implementare nella sua totalità l’ambizioso piano delineato nel corso dell’estate. In ogni caso, ci attendiamo una grande attenzione al settore energetico e un incremento dell’offerta di energie rinnovabili, nonché una posizione più rigida sulle emissioni dovute alla produzione energetica tramite combustibili fossili, l’incentivazione della penetrazione dei veicoli elettrici e standard più rigorosi sui gas di scarico, oltre che una spinta a favore di edilizia e agricoltura verdi. L’impegno sul clima annunciato nel corso dell’estate si è aggiunto ai 3.000 miliardi di USD che Biden aveva promesso l’anno scorso di spendere in infrastrutture ed energia pulita, e ai 700 miliardi di nuovi investimenti per sostenere il settore manifatturiero e l’innovazione annunciati all’inizio di quest’anno. Con l’insediamento della nuova amministrazione americana, prevediamo un’accelerazione verso le tecnologie per lo zero netto, che aumenterà a nostro parere il potenziale di rialzo di molte delle opportunità d’investimento identificate nella nostra Climate Transition Strategy.

    Riteniamo che l’incremento delle misure normative volte a promuovere una “ripresa verde” creerà numerose opportunità d’investimento nell’area della sostenibilità.  Con l’allentamento dei lockdown, siamo focalizzati sui cambiamenti comportamentali e sull’uso della tecnologia in quanto strumento abilitatore fondamentale di un ritorno più verde verso una “nuova normalità”. I progressi tecnologici consentono di aumentare la connettività per il lavoro da remoto e la creazione di sistemi di trasporto integrati meglio organizzati, oltre a contribuire al monitoraggio della diffusione futura del virus. Crediamo che la nostra attenzione alla sostenibilità in quanto convinzione fondamentale e la predilezione per le aziende di buona qualità con risultati finanziari superiori abbiano conferito alla nostra strategia solide caratteristiche difensive a fronte delle attuali incertezze. Riteniamo anche che il nostro focus sull’adattabilità e la resilienza dei modelli aziendali alle principali sfide di sostenibilità - siano esse correlate al clima, alla dematerializzazione e alla transizione delle supply chain, alla protezione del capitale naturale o allo scoppio di una pandemia globale - ci aiuterà a identificare i settori e le aziende che potranno sovraperformare nei prossimi mesi.

     

    informazioni importanti.

    Il presente documento è stato pubblicato da Lombard Odier Funds (Europe) S.A., una società per azioni di diritto lussemburghese avente sede legale a 291, route d’Arlon, 1150 Lussemburgo, autorizzata e regolamentata dalla CSSF quale Società di gestione ai sensi della direttiva europea 2009/65/CE e successive modifiche e della direttiva europea 2011/61/UE  sui gestori di fondi di investimento alternativi (direttiva AIFM). Scopo della Società di gestione è la creazione, promozione, amministrazione, gestione e il marketing di OICVM lussemburghesi ed esteri, fondi d’investimento alternativi ("AIF") e altri fondi regolamentati, strumenti di investimento collettivo e altri strumenti di investimento, nonché l’offerta di servizi di gestione di portafoglio e consulenza per gli investimenti.
    Lombard Odier Investment Managers (“LOIM”) è un marchio commerciale.
    Questo documento è fornito esclusivamente a scopo informativo e non costituisce un’offerta o una raccomandazione di acquisto o vendita di titoli o servizi. Il presente documento non è destinato a essere distribuito, pubblicato o utilizzato in qualunque giurisdizione in cui tale distribuzione, pubblicazione o utilizzo fossero illeciti. Il presente documento non contiene raccomandazioni o consigli personalizzati e non intende sostituire un'assistenza professionale in materia di investimenti in prodotti finanziari. Prima di effettuare una transazione qualsiasi, l’investitore dovrebbe valutare attentamente se l’operazione è idonea alla propria situazione personale e, ove necessario, richiedere una consulenza professionale indipendente riguardo ai rischi e a eventuali conseguenze legali, normative, creditizie, fiscali e contabili. Il presente documento è proprietà di LOIM ed è rivolto al destinatario esclusivamente per uso personale. Il presente documento non può essere riprodotto (in tutto o in parte), trasmesso, modificato o utilizzato per altri fini senza la previa autorizzazione scritta di LOIM. Questo documento riporta le opinioni di LOIM alla data di pubblicazione.
    Né il presente documento né copie di esso possono essere inviati, portati o distribuiti negli Stati Uniti d’America, nei loro territori e domini o in aree soggette alla loro giurisdizione, oppure a o a favore di US Person. A tale proposito, con l’espressione “US Person” s’intende un soggetto avente cittadinanza, nazionalità o residenza negli Stati Uniti d’America, una società di persone costituita o esistente in uno qualsiasi degli stati, dei territori, o dei domini degli Stati Uniti d’America, o una società di capitali disciplinata dalle leggi degli Stati Uniti o di un qualsiasi loro stato, territorio o dominio, o ogni patrimonio o trust il cui reddito sia soggetto alle imposte federali statunitensi, indipendentemente dal luogo di provenienza.
    Fonte dei dati: se non indicato diversamente, i dati sono elaborati da LOIM.
    Alcune informazioni sono state ottenute da fonti pubbliche ritenute attendibili, ma in assenza di una verifica indipendente non possiamo garantire la loro correttezza e completezza.
    I giudizi e le opinioni qui espresse hanno esclusivamente scopo informativo e non costituiscono una raccomandazione di LOIM a comprare, vendere o conservare un titolo. I giudizi e le opinioni sono validi alla data della presentazione, possono essere soggetti a modifiche e non devono essere intesi come una consulenza di investimento. Non dovrebbero essere intesi come una consulenza di investimento.
    Il presente documento non può essere (i) riprodotto, fotocopiato o duplicato, in alcuna forma o maniera, né (ii) distribuito a persone che non siano dipendenti, funzionari, amministratori o agenti autorizzati del destinatario, senza il previo consenso di Lombard Odier Funds (Europe) S.A. ©2020 Lombard Odier IM. Tutti i diritti riservati.