investment viewpoints

    Soltanto un quarto delle large cap è sulla buona strada per adempiere l’Accordo di Parigi

    Soltanto un quarto delle large cap è sulla buona strada per adempiere l’Accordo di Parigi
    Thomas Höhne-Sparborth, PhD - Head of Sustainability Research

    Thomas Höhne-Sparborth, PhD

    Head of Sustainability Research
    Khangzhen Leow - Sustainability Analyst

    Khangzhen Leow

    Sustainability Analyst
    Emi Hu - Quantitative Analyst

    Emi Hu

    Quantitative Analyst

    Quella di quest’anno a Glasgow, Scozia, è la 26a edizione della Conferenza delle Parti delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico (COP26). È qui che i capi di Stato, le autorità e i maggiori esperti a livello mondiale si riuniscono per discutere dei progressi compiuti e delle azioni da mettere in campo per attenuare e adeguarsi agli effetti del cambiamento climatico. La COP26 è un appuntamento importante, in quanto consente di coordinare e concentrare gli sforzi globali per prevenire e contrastare le conseguenze disastrose del cambiamento climatico. Nel 2015 la COP21 ci ha consegnato l’Accordo di Parigi, il cui obiettivo dichiarato era contenere l’aumento medio della temperatura globale ben al di sotto dei 2°C oltre i livelli preindustriali e preferibilmente limitare l’aumento a 1,5°C. Nel corso del tempo quasi tutti i paesi vi hanno aderito.

     

    Da quel momento i paesi del mondo, grandi e piccoli, si sono impegnati a favore dell’azzeramento delle emissioni nette e molte aziende stanno seguendo il loro esempio. Nonostante ciò, in Lombard Odier stimiamo che soltanto il 25% delle società che compongono l’indice MSCI World sia attualmente allineato all’obiettivo di contenere il riscaldamento globale al di sotto dei 2°C. Stando ai dati disponibili a fine ottobre 2021, una percentuale ancora più piccola del 6% si sta già muovendo in modo convincente verso l’obiettivo dell’1,5°C. Attualmente le società che fanno parte dell’indice sono allineate su base aggregata all’obiettivo di un riscaldamento globale di 2,9°C – molto distante dai 2°C dell’Accordo di Parigi.

     

    L’allineamento climatico di un’azienda all’Accordo di Parigi può essere calcolato mettendo a confronto la tendenza delle emissioni recente e quella prevista con i tassi di decarbonizzazione specifici che ogni comparto industriale deve raggiungere per contenere il riscaldamento globale ben al di sotto di un dato livello. Tali analisi richiedono un’attenta valutazione degli impegni di un’azienda, riconoscendo che non tutti gli obiettivi possono essere assunti come dogmi: i traguardi possono non essere raggiunti, le strategie possono rivelarsi inattuabili e la credibilità degli impegni potrebbe variare, portando a valutazioni più conservative dell’allineamento delle aziende.

     

    A ottobre, le linee guida aggiornate della Task Force on Climate-related Financial Disclosures (TCFD) raccomandavano che gli istituti finanziari divulgassero il livello di allineamento delle attività finanziarie allo scenario di contenimento del riscaldamento globale ben al di sotto dei 2°C. A margine, la Task Force incaricava il Portfolio Alignment Team (PAT), organo indipendente, di redigere un rapporto che spiegasse in che modo dovrebbero essere misurate e definite le best practice di tale allineamento. A fronte delle stime precedentemente pubblicate circa l’allineamento dell’economia e delle società alla transizione climatica, quelle di Lombard Odier sull’allineamento dei titoli di società ad alta capitalizzazione all’Accordo di Parigi sono tra le prime a utilizzare una metodologia che si avvicina alle best practice suggerite dal PAT.

     

    Per chiarire meglio tale valutazione, a ottobre il 50% delle società che compongono l’indice MSCI World aveva pubblicato informazioni dettagliate sui propri obiettivi o sforzi di decarbonizzazione. Tuttavia, a nostro avviso, soltanto il 19% delle aziende presentava obiettivi validati in modo indipendente dall’iniziativa Obiettivi basati sulla scienza, secondo la quale gli obiettivi sono ritenuti abbastanza ambiziosi da contenere il riscaldamento climatico globale al di sotto dei 2°C conservando al contempo la fattibilità sul piano scientifico. La metodologia di Lombard Odier di attenersi alle raccomandazioni del PAT assegna ponderazioni diverse agli impegni societari in funzione della loro credibilità, ritenendo tuttora gli Obiettivi basati sulla scienza i più credibili.

     

    A prescindere dalla diversa credibilità degli obiettivi, osserviamo differenze altrettanto significative nella portata degli impegni delle società. Tra quelle che hanno fissato obiettivi di decarbonizzazione quantitativi, soltanto il 46% aveva obiettivi che coprivano le rispettive filiere a monte e a valle, molti dei quali definiti in modo vago. Anche tra gli obiettivi basati sulla scienza, troppi impegni sulle cosiddette emissioni Scope 3 a monte e a valle comprendono soltanto l’impegno a misurarle e a ridurle, senza tuttavia fissare un obiettivo specifico1.

     

    Alcuni settori all’interno dell’indice stanno evolvendo più rapidamente di altri verso l’allineamento agli obiettivi dell’Accordo di Parigi. Il settore dell’energia, incluse le compagnie petrolifere e del gas, resta inesorabilmente il fanalino di coda. Secondo le nostre stime, l’allineamento di questo settore all’obiettivo del riscaldamento climatico si aggira attorno ai 3,7°C, in quanto le aziende non riescono ancora a realizzare abbastanza rapidamente la transizione verso fonti energetiche a minore intensità di carbonio, comprese quelle rinnovabili. Malgrado gli ambiziosi impegni dichiarati da alcuni nomi di peso del settore, spesso tali impegni si fondano su valori improbabili di compensazione delle emissioni di carbonio, mancano di traguardi intermedi o coprono soltanto una parte dei mercati di un’azienda. Alcune società sono più vicine di altre, ma nessuna è completamente allineata.

     

    Altri settori stanno procedendo in modo più spedito. Stimiamo, ad esempio, che in questo momento l’allineamento medio del settore automobilistico sia prossimo ai 2,1°C. Sebbene all’inizio proprio questo settore fosse clamorosamente in ritardo, di recente le case automobilistiche hanno iniziato a darsi obiettivi più ambiziosi per la transizione verso i veicoli elettrici. Nel comparto spiccano già diversi leader e anche se gli impegni all’interno del settore nel suo insieme non sono ancora allineati, ci aspettiamo un cambiamento a breve termine su questo fronte, in quanto le aziende continuano a investire sempre di più nella mobilità elettrica.

     

    In altri settori si attende ancora una svolta radicale. Per quanto concerne i generi alimentari, i prodotti per la casa e per la persona, le aziende hanno iniziato a definire impegni per ridurre le proprie emissioni dirette e legate al consumo energetico. Non di rado si tratta di emissioni deboli, in via comparativa, cosicché alcuni di questi settori sono stati tradizionalmente considerati “a basse emissioni di carbonio”. A ogni modo l’esposizione elevata alle emissioni di filiera spesso fa di questi settori una realtà del tutto diversa. A titolo di esempio, per poter parlare di allineamento di un’azienda alimentare non è sufficiente che riduca le proprie emissioni, bensì è necessario che si interroghi su un’eventuale transizione della sua gamma di prodotti per ridurre le emissioni agricole. Se consideriamo le emissioni di filiera, tali settori risultano ancora allineati a un obiettivo di riscaldamento climatico di 3,0-3,3°C.

     

    Ora Zero: Lombard Odier alla COP26

    In occasione della COP26 Lombard Odier sta ospitando una serie di eventi in Ardgowan House, nei pressi di Glasgow, incentrati sul ruolo del mondo finanziario nella valutazione dei rischi climatici e legati alla natura. Il nostro evento odierno – le sessioni “Ora Zero” – consiste in un workshop per investitori incentrato sui parametri che possono essere utilizzati per valutare l’allineamento dei portafogli alla transizione climatica.

     

    In Lombard Odier, abbiamo esaminato finora l’allineamento di oltre 20’000 aziende mediante l’uso dei nostri indicatori dell’aumento implicito della temperatura (ITR) al fine di valutare l’allineamento dei diversi indici, benchmark e portafogli d’investimento alla transizione verso lo zero netto. Riteniamo che gli indicatori ITR raggiungeranno probabilmente una maggiore diffusione, in particolare come best practice definite dal PAT per promuovere una maggiore convergenza e agevolare la divulgazione in linea con le direttive TCFD.

     

    Adottare questi indicatori dell’allineamento è fondamentale per la transizione climatica. La loro adozione avvalora in definitiva l’allocazione del capitale nei leader della transizione in quei settori in cui tali misure di finanziamento sono più urgenti. I settori con emissioni elevate – come quello automobilistico, dell’acciaio, del cemento o dei prodotti chimici – saranno sempre essenziali per l’economia, ma devono avviarsi alla transizione. Piuttosto che distogliere i capitali da tali settori, le valutazioni dell’allineamento delle singole società aiutano a identificare quali di queste attività sono leader della transizione climatica.

     

    La transizione allo zero netto richiede una trasformazione radicale della nostra economia che coinvolga tutti i settori, nonché i parametri giusti per misurarne i progressi.

     

    Fonti

    1. Riportiamo di seguito la definizione generale delle emissioni Scope 1, 2 e 3.

    •    Scope 1: comprende tutte le emissioni sotto il controllo diretto dell’azienda, di norma generate dai suoi immobili, strutture e veicoli. 
    •    Scope 2: le emissioni derivanti dalla generazione di elettricità, calore, vapore e refrigerazione che la società acquista da terzi.
    •    Scope 3: le emissioni legate alla filiera produttiva più ampia e al ciclo di vita dei prodotti o servizi forniti dall’azienda. 

    Informazioni importanti.

    Ad uso esclusivo di investitori professionali

    Il presente documento è stato emesso da Lombard Odier Funds (Europe) S.A., una società per azioni di diritto lussemburghese avente sede legale a 291, route d’Arlon, 1150 Lussemburgo, autorizzata e regolamentata dalla CSSF quale Società di gestione ai sensi della direttiva europea 2009/65/CE e successive modifiche e della direttiva europea 2011/61/UE sui gestori di fondi di investimento alternativi (direttiva AIFM). Lo scopo della Società di Gestione è la creazione, la promozione, l’amministrazione, la gestione e la commercializzazione di OICVM lussemburghesi e stranieri, fondi di investimento alternativi (“FIA”) e altri fondi regolamentati, veicoli di investimento collettivo o altri veicoli di investimento, nonché l’offerta di servizi di gestione di portafoglio e di consulenza in materia di investimenti.
    Lombard Odier Investment Managers (“LOIM”) è un nome commerciale.
    Questo documento è fornito esclusivamente a scopo informativo e non costituisce un’offerta o una raccomandazione di acquisto o vendita di titoli o servizi. Non è destinato alla distribuzione, alla pubblicazione o all’uso in qualsiasi giurisdizione in cui tale distribuzione, pubblicazione o uso sarebbe illegale. Il presente materiale non contiene raccomandazioni o consulenze personalizzate e non intende sostituire un’assistenza professionale in materia di investimenti in prodotti finanziari. Prima di effettuare qualsiasi operazione, l’investitore deve considerare attentamente l’idoneità di un’operazione alla sua particolare situazione e, se necessario, ottenere una consulenza professionale indipendente sui rischi e le eventuali conseguenze legali, regolamentari, creditizie, fiscali e contabili. Il presente documento è proprietà di LOIM ed è rivolto al destinatario esclusivamente per uso personale. Non può essere riprodotto (in tutto o in parte), trasmesso, modificato o utilizzato per qualsiasi altro scopo senza il previo consenso scritto di LOIM. Questo documento riporta le opinioni di LOIM alla data di pubblicazione.
    Né il presente documento né una sua copia possono essere inviati, portati, o distribuiti negli Stati Uniti d’America, in uno dei suoi territori o possedimenti o aree soggette alla sua giurisdizione, o a beneficio di un Soggetto Statunitense. A tal fine, il termine “Soggetto Statunitense” indica qualsiasi cittadino, di nazionalità o residente degli Stati Uniti d’America, società di persone organizzata o esistente in qualsiasi stato, territorio o possedimento degli Stati Uniti d’America, una società di capitali organizzata secondo le leggi degli Stati Uniti o di qualsiasi stato, territorio o possedimento degli stessi, o qualsiasi proprietà o trust che sia soggetto all’imposta federale sul reddito degli Stati Uniti d’America indipendentemente dalla fonte del suo reddito.
    Fonte delle cifre: se non diversamente specificato, le cifre sono preparate da LOIM.
    Sebbene alcune informazioni siano state ottenute da fonti pubbliche ritenute affidabili, senza una verifica indipendente, non possiamo garantire la loro accuratezza o la completezza di tutte le informazioni disponibili da tali fonti pubbliche.
    I punti di vista e le opinioni espresse hanno solo scopo informativo e non costituiscono una raccomandazione da parte di LOIM di acquistare, vendere o detenere alcun titolo. I giudizi e le opinioni sono validi alla data della presentazione, possono essere soggetti a modifiche e non devono essere interpretati come consigli di investimento.
    Nessuna parte di questo materiale può essere (i) copiata, fotocopiata o duplicata in qualsiasi forma, con qualsiasi mezzo, o (ii) distribuita a qualsiasi persona che non sia un dipendente, funzionario, amministratore o agente autorizzato del destinatario, senza il preventivo consenso di Lombard Odier Funds (Europe) S.A. In Lussemburgo, il presente materiale è un documento di marketing approvato da Lombard Odier Funds (Europe) S.A., autorizzata e regolamentata dalla CSSF.
    ©2021 Lombard Odier IM. Tutti i diritti riservati