Posizionare il portafoglio per la transizione climatica

global perspectives

Posizionare il portafoglio per la transizione climatica

Hubert Keller - Managing Partner

Hubert Keller

Managing Partner
Christopher Kaminker, PhD - Head of Sustainable Investment Research & Strategy

Christopher Kaminker, PhD

Head of Sustainable Investment Research & Strategy
Didier Rabattu - Head of Equities

Didier Rabattu

Head of Equities
Le manifestazioni fisiche sempre più numerose di un clima ormai compromesso accendono i riflettori sull’entità, l’ambito e l’urgenza di una transizione climatica. Una transizione che è già iniziata e sta creando, in tutti i settori, rischi e opportunità destinati a moltiplicarsi rapidamente e in modo repentino.

L’entità senza precedenti degli investimenti necessari per rendere possibile questa transizione non potrà che sostenere anche le prospettive di crescita economica. Realizzare gli obiettivi dell’Accordo di Parigi significa mantenere l’aumento della temperatura globale ben al di sotto di 2 gradi centigradi in più rispetto ai livelli preindustriali (e intraprendere sforzi per limitare l’aumento a 1,5 gradi), anche nonostante una popolazione mondiale in continua crescita e sempre più urbanizzata. 

Soddisfare questi requisiti significherà ridistribuire le risorse esistenti e richiederà investimenti supplementari. Complessivamente, nei prossimi quindici anni, sarà necessario destinare 100 trilioni di USD1 da investire in tutti i settori per consentire questa transizione economica e ambientale. 

Inoltre, secondo le stime dell’OCSE, combinare riforme economiche a politiche climatiche ambiziose potrebbe portare a un incremento del PIL in media del 2-3% l’anno entro il 2050 nei paesi del G202 (o del 4,7% se si considerano anche gli effetti positivi dovuti all’assenza di danni causati dal cambiamento climatico). Sarà quindi necessario raddoppiare gli investimenti in infrastrutture - per soddisfare le richieste dovute alla crescita economica e della popolazione nei prossimi dieci anni - e reindirizzare i flussi d’investimento verso progetti infrastrutturali clima-compatibili, in linea con l’obiettivo dei 2°C. 

La transizione climatica è già iniziata e sta creando, in tutti i settori, rischi e opportunità destinati a moltiplicarsi rapidamente e in modo repentino.

Eppure, il passaggio verso un’economia a basso carbonio e resiliente al cambiamento climatico è già iniziato, guidato da molteplici dinamiche, potenti e auto-rinforzanti. Sebbene le attuali politiche globali siano ben lontane dal consentire il raggiungimento dello zero netto entro il 2050, molte nazioni si sono già dotate di politiche adeguate o hanno quanto meno intrapreso discussioni preliminari per realizzare l’obiettivo. L’attività ferve anche sul fronte delle regioni, ad esempio con il Green Deal annunciato dalla Ue a fine 2019, che impegna l’Europa a diventare il primo continente climaticamente neutro al mondo entro il 2050. Persino nei paesi dove i governi segnano il passo, come gli Stati Uniti, molte città e aziende stanno allineando i loro obiettivi al traguardo della neutralità climatica.

Intanto, le forze di mercato si stanno sostituendo alle misure politiche nel ruolo di motori di traino della transizione, sullo sfondo di realtà economiche in rapido mutamento per effetto delle innovazioni e delle crescenti economie di scala. Oggi, è l’economia a guidare la transizione, sospingendola con un potente circolo virtuoso fatto di tagli dei costi e soluzioni a basso carbonio che diventano economicamente sempre più appetibili, come le energie rinnovabili. Le preferenze dei consumatori stanno cambiando, indirizzando il potere di spesa verso marchi, scelte alimentari e stili di vita più sostenibili e incrementando i rischi per la reputazione di chi non tiene il passo.

Anche gli investitori, con migliaia di miliardi di dollari in gioco nella transizione climatica, spingono le aziende ad adottare strategie che siano in linea con un mondo a emissioni limitate e dal clima danneggiato. Nel 2019, ad esempio, l’International Accounting Standards Board (IASB)3 si è aggiunto alla lunga lista di oltre 60 autorità settoriali, banche centrali e organi di vigilanza intervenendo nel dibattito sui rischi finanziari correlati al clima4, dichiarandoli “rilevanti” per le attività e passività riportate da molte aziende - e, di conseguenza, per gli utili futuri - e sottolineando la necessità di quantificarli e divulgare un’adeguata informativa in materia.

Insieme, queste forze creano un’importante opportunità di crescita per le aziende di molti settori che decidono di abbracciare la transizione, creando soluzioni per adeguarsi a un mondo dal clima danneggiato e con emissioni vincolate oppure riposizionandosi per poter godere di vantaggi competitivi.

Le aziende in prima linea nella transizione climatica saranno presumibilmente in grado di aumentare la loro quota di mercato, sovraperformando i concorrenti non adeguatamente posizionati. Quelle che fingono di non vedere e scelgono di non cambiare potrebbero invece perdere clienti, capitali e talenti e vedere minacciata la loro stessa sopravvivenza.

Image-of-White-Paper-cover-for-web-page.jpg

Scarica il documento

Il mondo sta già procedendo alla decarbonizzazione, ma il processo di transizione deve essere accelerato. Nel corso del prossimo decennio ogni anno saranno necessari investimenti per circa 5.500 miliardi di USD, al fine di generare una crescita economica sostenibile e raggiungere un allineamento con l’accordo di Parigi e gli Obiettivi per lo sviluppo sostenibile dell’ONU. Al momento le forze di mercato sono ai posti di comando della transizione.

 

 Fare clic qui per scaricare il white paper

fonti.

1 Stime e previsioni LOIM. Basato sui dati dello scenario di sviluppo sostenibile delle pubblicazioni IEA World Energy Outlook (2019) e Oxford Economics Global Infrastructure Outlook (2019)
2 OECD Investing in Climate, Investing in Growth (2017). Accessibile qui https://read.oecd-ilibrary.org/economics/investing-in-climate-investing-in-growth_9789264273528-en#page10 
3 https://cdn.ifrs.org/-/media/feature/news/2019/november/in-brief-climate-change-nick-anderson.pdf?la=en
4 Ad esempio, il Central Banks and Supervisors Network for Greening the Financial System (NGFS), dagli otto membri fondatori originali, è arrivato a contare oggi 54 membri e 12 osservatori.

Informazioni importanti.

Questo documento è fornito esclusivamente a scopo informativo e non costituisce un’offerta o una raccomandazione di acquisto o vendita di titoli o servizi. Il presente documento non è destinato a essere distribuito, pubblicato o utilizzato in qualunque giurisdizione in cui tale distribuzione, pubblicazione o utilizzo fossero illeciti. Il presente documento non contiene raccomandazioni o consigli personalizzati e non intende sostituire un'assistenza professionale in materia di investimenti in prodotti finanziari Prima di effettuare una transazione qualsiasi, l’investitore dovrebbe valutare attentamente se l’operazione è idonea alla propria situazione personale e, ove necessario, richiedere una consulenza professionale indipendente riguardo ai rischi e a eventuali conseguenze legali, normative, creditizie, fiscali e contabili. Il presente documento è proprietà di LOIM ed è rivolto al destinatario esclusivamente per uso personale. Il presente documento non può essere riprodotto (in tutto o in parte), trasmesso, modificato o utilizzato per altri fini senza la previa autorizzazione scritta di LOIM. Questo documento riporta le opinioni di LOIM alla data di pubblicazione.
Né il presente documento né copie di esso possono essere inviati, portati o distribuiti negli Stati Uniti d’America, nei loro territori e domini o in aree soggette alla loro giurisdizione, oppure a o a favore di US Person. A tale proposito, con l’espressione “US Person” s’intende un soggetto avente cittadinanza, nazionalità o residenza negli Stati Uniti d’America, una società di persone costituita o esistente in uno qualsiasi degli stati, dei territori, o dei domini degli Stati Uniti d’America, o una società di capitali disciplinata dalle leggi degli Stati Uniti o di un qualsiasi loro stato, territorio o dominio, o ogni patrimonio o trust il cui reddito sia soggetto alle imposte federali statunitensi, indipendentemente dal luogo di provenienza.
Fonte dei dati: se non indicato diversamente, i dati sono elaborati da LOIM.
Alcune informazioni sono state ottenute da fonti pubbliche ritenute attendibili, ma in assenza di una verifica indipendente non possiamo garantire la loro correttezza e completezza.
I giudizi e le opinioni qui espresse hanno esclusivamente scopo informativo e non costituiscono una raccomandazione di LOIM a comprare, vendere o conservare un titolo. I giudizi e le opinioni sono validi alla data della presentazione, possono essere soggetti a modifiche e non devono essere intesi come una consulenza di investimento.
Il presente documento non può essere (i) riprodotto, fotocopiato o duplicato, in alcuna forma o maniera, né (ii) distribuito a persone che non siano dipendenti, funzionari, amministratori o agenti autorizzati del destinatario, senza il previo consenso di Lombard Odier Funds (Europe) S.A. ©2020 Lombard Odier IM. Tutti i diritti riservati.