white papers

    La digitalizzazione nel settore finanziario

    La digitalizzazione nel settore finanziario
    Jeroen van Oerle - Portfolio Manager

    Jeroen van Oerle

    Portfolio Manager
    Christian Vondenbusch - Portfolio Manager

    Christian Vondenbusch

    Portfolio Manager

    I moderni servizi finanziari richiedono una solida strategia digitale, e la domanda di servizi finanziari digitali da parte degli stakeholder continua a crescere. Prima la digitalizzazione era una caratteristica auspicabile, oggi è un requisito imprescindibile.

    Nel primo trimestre del 2020 i vertici delle istituzioni finanziarie si sono trovati a gestire una situazione difficile sul piano macroeconomico (come bassi tassi d’interesse e margini di interesse netti sempre più magri), costi normativi in crescita e una concorrenza sempre più agguerrita dagli operatori FinTech: tutti fattori che erodevano i profitti. Parlando di digitalizzazione con gli investitori, spesso i team di gestione cercavano di convincere gli azionisti che investire in una strategia digitale avrebbe garantito risparmi sui costi sin dal primissimo giorno. Ora, chiunque abbia una visione realistica di cosa significhi implementare nuove tecnologie sa bene che non bisogna mai millantare risparmi nel promuovere un rinnovo dei sistemi informatici, dato che le efficienze in termini di costi durano solo fino al ciclo di upgrade successivo. Investire nella digitalizzazione significa piuttosto facilitare la continuità operativa dell’azienda, restando inteso che il ritorno sul costo dell’investimento sarà in parte dato dalla capacità di esercitare l’attività in futuro. Nel secondo trimestre 2020 tutti hanno iniziato a puntare sulla strategia digitale, con un grande interrogativo: come sopravvivere in un mondo divenuto totalmente digitale dall’oggi al domani?

    Prima la digitalizzazione era una caratteristica auspicabile, oggi è un requisito imprescindibile

    Tutti gli stakeholder delle istituzioni finanziarie richiedono tool digitali: dai clienti che vogliono accedere alle informazioni in modo digitale, ai dipendenti che hanno bisogno di strumenti digitali per lavorare da remoto, fino ai partner/fornitori che ne hanno necessità per integrare i loro servizi. Nei primi mesi di telelavoro, molte società si sono dovute affidare a soluzioni improvvisate nel front-end per continuare a comunicare con i clienti. Quanto al settore finanziario nel suo insieme, a prima vista le implicazioni sono sembrate gestibili, anche se alcune banche hanno dovuto letteralmente correre a comprare PC portatili per consentire al personale di lavorare da casa. Ad ogni modo, a parte qualche soluzione relativamente semplice nel front-end, i veri problemi hanno riguardato i sistemi centrali e le questioni di sicurezza legate al telelavoro. Alcuni operatori hanno dovuto rinunciare ad acquisire nuovi clienti o a offrire nuovi servizi personalizzati.

    Un’altra difficoltà è stata la manutenzione da remoto di infrastrutture cruciali, per non parlare dell’impiego di nuove tecnologie che dovrebbero aumentare le efficienze, o della gestione di servizi innovativi. Inoltre, come vedremo in dettaglio nel nostro ultimo white paper, sono notevolmente aumentati i rischi legati alla cybersicurezza. Nella prima parte del white paper diamo uno sguardo globale all’andamento della spesa IT nei vari sottosettori. La seconda sezione analizza invece gli investimenti pre- e post-COVID legati alla cybersicurezza, al cloud e alle API, mentre nella terza parte facciamo il punto sulle implicazioni nell’ottica degli investimenti.

    Riteniamo che le motivazioni strategiche alla base degli investimenti nel digitale si stiano evolvendo, considerando un’ottica di lungo termine: il 2020 è un anno di tagli ai costi, nel 2021 sarà tempo di ridefinire le priorità dei progetti IT, e dal 2021 in avanti seguiranno anni di trasformazione digitale in piena regola.

    informazioni importanti.

    Il presente documento è stato pubblicato da Lombard Odier Funds (Europe) S.A., una società per azioni di diritto lussemburghese avente sede legale a 291, route d’Arlon, 1150 Lussemburgo, autorizzata e regolamentata dalla CSSF quale Società di gestione ai sensi della direttiva europea 2009/65/CE e successive modifiche e della direttiva europea 2011/61/UE  sui gestori di fondi di investimento alternativi (direttiva AIFM). Scopo della Società di gestione è la creazione, promozione, amministrazione, gestione e il marketing di OICVM lussemburghesi ed esteri, fondi d’investimento alternativi ("AIF") e altri fondi regolamentati, strumenti di investimento collettivo e altri strumenti di investimento, nonché l’offerta di servizi di gestione di portafoglio e consulenza per gli investimenti.
    Lombard Odier Investment Managers (“LOIM”) è un marchio commerciale.
    Questo documento è fornito esclusivamente a scopo informativo e non costituisce un’offerta o una raccomandazione di acquisto o vendita di titoli o servizi. Il presente documento non è destinato a essere distribuito, pubblicato o utilizzato in qualunque giurisdizione in cui tale distribuzione, pubblicazione o utilizzo fossero illeciti. Il presente documento non contiene raccomandazioni o consigli personalizzati e non intende sostituire un'assistenza professionale in materia di investimenti in prodotti finanziari. Prima di effettuare una transazione qualsiasi, l’investitore dovrebbe valutare attentamente se l’operazione è idonea alla propria situazione personale e, ove necessario, richiedere una consulenza professionale indipendente riguardo ai rischi e a eventuali conseguenze legali, normative, creditizie, fiscali e contabili. Il presente documento è proprietà di LOIM ed è rivolto al destinatario esclusivamente per uso personale. Il presente documento non può essere riprodotto (in tutto o in parte), trasmesso, modificato o utilizzato per altri fini senza la previa autorizzazione scritta di LOIM. Questo documento riporta le opinioni di LOIM alla data di pubblicazione.
    Né il presente documento né copie di esso possono essere inviati, portati o distribuiti negli Stati Uniti d’America, nei loro territori e domini o in aree soggette alla loro giurisdizione, oppure a o a favore di US Person. A tale proposito, con l’espressione “US Person” s’intende un soggetto avente cittadinanza, nazionalità o residenza negli Stati Uniti d’America, una società di persone costituita o esistente in uno qualsiasi degli stati, dei territori, o dei domini degli Stati Uniti d’America, o una società di capitali disciplinata dalle leggi degli Stati Uniti o di un qualsiasi loro stato, territorio o dominio, o ogni patrimonio o trust il cui reddito sia soggetto alle imposte federali statunitensi, indipendentemente dal luogo di provenienza.
    Fonte dei dati: se non indicato diversamente, i dati sono elaborati da LOIM.
    Alcune informazioni sono state ottenute da fonti pubbliche ritenute attendibili, ma in assenza di una verifica indipendente non possiamo garantire la loro correttezza e completezza.
    I giudizi e le opinioni qui espresse hanno esclusivamente scopo informativo e non costituiscono una raccomandazione di LOIM a comprare, vendere o conservare un titolo. I giudizi e le opinioni sono validi alla data della presentazione, possono essere soggetti a modifiche e non devono essere intesi come una consulenza di investimento. Non dovrebbero essere intesi come una consulenza di investimento.
    Il presente documento non può essere (i) riprodotto, fotocopiato o duplicato, in alcuna forma o maniera, né (ii) distribuito a persone che non siano dipendenti, funzionari, amministratori o agenti autorizzati del destinatario, senza il previo consenso di Lombard Odier Funds (Europe) S.A. ©2020 Lombard Odier IM. Tutti i diritti riservati.