investment viewpoints

Cinque domande sulla nostra nuova strategia alternativa DataEdge

Cinque domande sulla nostra nuova strategia alternativa DataEdge
Laurent Joué - Head of Systematic Alternatives and Lead Portfolio Manager

Laurent Joué

Head of Systematic Alternatives and Lead Portfolio Manager
Marc Pellaud, PhD - Lead Portfolio Manager

Marc Pellaud, PhD

Lead Portfolio Manager

In questo Q&A Laurent Joué e Marc Pellaud, Co-Lead Manager della strategia alternativa LOIM DataEdge, spiegano come le informazioni fornite dai Big data permettano di prevedere con più precisione l’andamento delle aziende. In che modo gli alternative data possono aiutarci ad interpretare i trend dei consumi e il loro impatto sui risultati aziendali per generare opportunità di alfa?

 

Da sapere

  • La nostra strategia alternativa DataEdge usa i Big data per individuare i trend dei consumi in tempo reale che possono essere utilizzati per cogliere al meglio l’andamento delle aziende
  • Come mostra la ricerca effettuata, nell’universo d’investimento DataEdge le sorprese sugli utili e i rendimenti azionari sono strettamente correlati, sia in positivo che in negativo, e possono generare opportunità di alfa
  • L’approccio di investimento di LOIM combina la ricerca innovativa basata sugli alternative data e l’esperienza negli investimenti sistematici. Questo vantaggio informativo viene quindi applicato alla selezione dei titoli

 

1. In che modo la strategia DataEdge di LOIM utilizza gli alternative data per migliorare i principali indicatori aziendali?

La strategia si basa sull’utilizzo, sull’acquisizione e sull’analisi di alternative data relativi a molteplici aree geografiche, settori e fonti, tra cui:

  • operazioni con carte di credito
  • ricevute digitali
  • traffico Internet
  • attività su app
  • servizi di geolocalizzazione

Grazie ai continui progressi della data science, oggi è possibile strutturare e filtrare questi dati per identificare i trend dei consumi in tempo reale. Vengono quindi applicati metodi di analisi sistematica e quantitativa per prevedere l’impatto di certi modelli di comportamento sugli indicatori chiave di prestazione (KPI) delle società quotate, quali vendite, ricavi, utenti, nuovi clienti e modelli di engagement dei clienti.

Per generare alfa, la strategia mira a individuare le sorprese sugli utili e a monitorare i punti d’inflessione delle tendenze dei KPI nell’arco di diversi trimestri.

 

2. Qual è l’universo d’investimento della strategia?

Questa strategia alternativa ha carattere globale ed è sector neutral. L’universo d’investimento è maggiormente esposto agli Stati Uniti ed è incentrato sulle società di beni di consumo, tecnologia, industria e sanità. In termini di capitalizzazione di mercato, prevalgono le small e mid cap.

L’universo è definito dalla disponibilità e qualità dagli alternative data che cerchiamo e dovrebbe evolversi e crescere nel tempo. L’attuale1 universo include 640 società quotate sui mercati statunitensi e la strategia monitora tutti i giorni 200-250 aziende. Le figure 1 e 2 mostrano la scomposizione dell’universo in termini di settori e capitalizzazione di mercato.

 

FIG. 1 – Settori inclusi nell’universo DataEdge

Fonte: LOIM. A soli fini illustrativi. Dati a marzo 2024. Le allocazioni possono subire variazioni.

 

FIG. 2 – Scomposizione dell’universo DataEdge per capitalizzazione di mercato

Fonte: LOIM. A soli fini illustrativi. Dati a marzo 2024.

 

3. Qual è il ruolo delle sorprese sugli utili? Presentano un’alta correlazione con i rendimenti azionari per l’universo DataEdge?

La nostra ricercamostra che nell’universo d’investimento DataEdge le sorprese sugli utili e i rendimenti azionari sono strettamente correlati, sia in positivo che in negativo, rapporto che . All’interno di questo universo abbiamo valutato questo rapporto in base a tre fattori.

  • Rilevanza. Abbiamo usato parametri come la correlazione e la distribuzione di probabilità dei profitti3, nonché l’analisi della regressione4. In base alla regressione delle sorprese sugli utili rispetto ai rendimenti azionari sugli utili riportati negli ultimi 20 anni e cinque anni, il nostro modello ha identificato un rapporto valido e convincente all’interno dell’universo DataEdge. Ciò indica che le sorprese sugli utili possono contribuire in larga misura ai movimenti dei prezzi5.

    Dal nostro studio sono anche emersi parametri potenzialmente interessanti per gli ultimi cinque anni in termini di rilevanza. La correlazione è stata stabile o anche leggermente più alta, come anche la probabilità di profitto media, che si è mantenuta vicino ai valori storici.
     
  • Ricompensa del mercato. Si riferisce ai rendimenti azionari medi a fronte delle sorprese sugli utili positive e negative. Abbiamo scoperto che in 20 anni il mercato ha ricompensato le sorprese positive sugli utili con un guadagno medio di +1,9% e quelle negative con una perdita media di -3,6%. Inoltre l’86% dell’universo ha avuto un rendimento medio positivo per le sorprese positive sugli utili e l’80% un rendimento medio negativo per le sorprese sugli utili negative. Negli ultimi cinque anni è stato in linea con questi risultati: il mercato ha ricompensato le sorprese positive sugli utili con un guadagno medio di +1,7% e quelle negative con una perdita media di -4,1%.

 

FIG. 3 – Ricompensa del mercato rispetto alle sorprese positive e negative sugli utili

Fonte: LOIM. A soli fini illustrativi. I risultati passati non sono un indicatore dei rendimenti futuri. Periodo di 20 anni da gennaio 2004 a gennaio 2024, periodo di 5 anni dal 2019 al 2024.

 

  • Il bias delle sorprese. La nostra analisi ha misurato la grande sproporzione tra le azioni che hanno superato o disatteso le previsioni. L’errore di previsione rispetto al valore riportato è stato espresso dall’errore percentuale medio assoluto (MAPE). Nel periodo di 20 anni la percentuale media di sorprese positive sugli utili è stata del 72%, contro il 28% di quelle negative. Inoltre, l’88% dell’universo ha mostrato sorprese positive sugli utili in oltre il 50% dei casi. Il MAPE medio dell’universo è del 4,14%.

    Non sono emersi cambiamenti significativi del bias delle sorprese negli ultimi cinque anni rispetto agli ultimi 20. Questi risultati indicano che generalmente le stime di consenso tendono a sottovalutare gli utili aziendali negli Stati Uniti. D’altro canto, abbiamo rilevato anche un forte aumento dell’errore di consenso negli ultimi periodi su base mobile, forse a causa dalla pandemia.

 

FIG. 4 – Bias delle sorprese

Fonte: LOIM. A soli fini illustrativi. I risultati passati non sono un indicatore dei rendimenti futuri. Periodo di 20 anni dal 2004 al 2024, periodo di 5 anni dal 2019 al 2024.

 

4. L’alta correlazione tra sorprese sugli utili e performance azionaria genera opportunità di alfa? 

Il rapporto tra sorprese sugli utili e performance azionaria viene esaminato da più di 50 anni nell’ambito della letteratura accademicae la nostra ricerca conferma che è valido anche per l’universo DataEdge. Man mano che i flussi di informazioni accelerano, diventando disponibili su base più ampia, e che l’uso di dati alternativi aumenta notevolmente, ci si interroga circa il potenziale di alfa che è possibile estrarre dalle sorprese sugli utili.

Abbiamo formulato una strategia teoricaper valutare il potenziale di alfa associato alle sorprese sugli utili nell’universo DataEdge. In sintesi, la strategia assume una posizione lunga sulle sorprese positive sugli utili e corta su quelle negative, in base agli andamenti storici dei prezzi. Questa strategia è soprannominata “previsione perfetta”, perché non può essere implementata utilizzando informazioni di pubblico dominio al momento della costruzione del portafoglio. Ma anche se la strategia teorica non può essere convertita in posizioni concrete, ci permette comunque di comprendere il potenziale di alfa, il suo comportamento nel tempo e l’entità delle reazioni dei prezzi alle nuove informazioni contabili.

In base ai risultati della nostra analisi, le strategie in grado di prevedere le revisioni degli utili generano un potenziale di alfa significativo. L’information ratioal netto dei costi di negoziazione si è attestato tra 3,5 e più di 4, a seconda del periodo, ed è stato stabile su periodi più brevi o più lunghi.

In base a questi risultati e all’indice di corrispondenza medio previsto delle revisioni degli utili9, vicino al 70%, ci aspettiamo un information ratio di 1,6 per la strategia, secondo i parametri stabiliti da Grinold e Kahn10.

A nostro avviso, ciò conferma che le sorprese sugli utili possono contribuire in larga misura ai movimenti dei prezzi e presentano notevoli opportunità di alfa.

 

5. Qual è l’esperienza di LOIM negli investimenti alternativi sistematici e quale approccio viene adottato?

Per la strategia DataEdge combiniamo la ricerca su alternative data avanzati e la competenza negli investimenti sistematici. In veste di Lead Portfolio Manager, abbiamo un’importante esperienza nelle strategie alternative sistematiche. Lavoriamo con il team d’investimento quantitativo di LOIM, che è composto da 21 professionisti degli investimenti e gestisce patrimoni per oltre 10 miliardi di dollari11. Collaboriamo anche con un aggregatore di dati pioniere nel settore con stretti legami con il nostro 1798 Alternative.

La nostra struttura d’investimento differenziata non è un semplice mix di approcci fondamentali e quantitativi. Al contrario, cerchiamo di isolare l’alfa idiosincratico puro applicando il nostro vantaggio informativo alla selezione dei titoli. In ultima analisi, questo processo permette di creare un portafoglio contrarian e diversificato che investe in azioni per le quali i nostri modelli prevedono un’elevata divergenza potenziale rispetto alle aspettative di consenso del mercato.

 
 
Scopri di più sulla DataEdge strategy.

informazioni importanti.

Il presente documento è una Comunicazione di marketing destinata esclusivamente a investitori professionali.

Il presente documento è una Comunicazione aziendale destinata esclusivamente a investitori professionali e non è una comunicazione di marketing riguardante un fondo, un prodotto d’investimento o servizi d’investimento nel vostro paese. Il presente documento non mira a fornire consulenza d’investimento, contabile, professionale o legale.

È pubblicato da:

Lombard Odier Asset Management (Europe) Limited (di seguito la “Società”). La Società è autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority (la “FCA”) iscritta nel registro FCA con il numero 515393.

Questo documento è approvato alla data di pubblicazione. La Società fa parte della Divisione Lombard Odier Investment Management (“LOIM”) del Gruppo Lombard Odier che contribuisce alla stesura del presente documento. LOIM è un nome commerciale.

Le opinioni o le previsioni quivi fornite sono aggiornate alla data indicata, possono subire modifiche senza preavviso e non prevedono il futuro né costituiscono una raccomandazione od offerta riguardante un qualsivoglia prodotto o servizio d’investimento.

Il presente documento è proprietà di LOIM, è fornito unicamente a fini informativi ed è rivolto al destinatario esclusivamente per uso personale. Non può essere riprodotto (in tutto o in parte), trasmesso, modificato o utilizzato per qualsiasi altro scopo senza il previo consenso scritto di LOIM, né è destinato alla distribuzione, alla pubblicazione o all’utilizzo – qualunque siano le finalità – se LOIM non ha preventivamente concesso la sua autorizzazione scritta.

I contenuti del presente documento sono destinati a soggetti che si qualificano come investitori professionisti e che LOIM ritiene competenti per gli argomenti di investimento ivi illustrati e dai quali LOIM ha ricevuto assicurazione che sono in grado di prendere decisioni d’investimento autonome e che capiscono i rischi impliciti negli investimenti di cui al presente documento; sono, inoltre, rivolti ad altri soggetti che LOIM ha espressamente confermato essere destinatari idonei di questo documento. Qualora non rientriate in nessuna delle suddette categorie, siete cortesemente invitati a restituire il presente documento a LOIM oppure a distruggerlo; vi consigliamo espressamente di non basarvi sui suoi contenuti e di non fare riferimento a nessuno degli argomenti ivi trattati in materia di investimenti e a non consegnare il presente documento a terzi. Il presente documento contiene le opinioni di LOIM alla data di pubblicazione o di redazione delle informazioni ivi contenute e declina ogni responsabilità in caso di perdita o danno derivante dal suo uso. Tutte le informazioni e le opinioni ed eventuali prezzi indicati sono soggetti a variazione senza preavviso.

Il contenuto del presente documento non è stato esaminato da alcuna autorità di regolamentazione in alcuna giurisdizione e non costituisce un’offerta o una raccomandazione a sottoscrivere un qualunque titolo o altro strumento o prodotto finanziario.  

Il presente documento riporta le opinioni di LOIM alla data di pubblicazione. Tali opinioni così come le informazioni ivi riportate non tengono conto di tutte le circostanze particolari che attengono al destinatario. Pertanto non si garantisce in alcun modo che le informazioni illustrate in questo documento siano idonee o appropriate alla situazione specifica di qualsivoglia investitore. Il trattamento fiscale dipende dalle circostanze individuali dell’investitore e può subire variazioni in futuro. LOIM non fornisce consulenza fiscale.

Le informazioni e le analisi ivi contenute si basano su fonti ritenute affidabili. LOIM farà del proprio meglio per assicurare che i contenuti siano creati in buona fede e con la massima attenzione, ma non garantisce la tempestività, la validità, l’affidabilità o la completezza delle informazioni contenute in questo documento, non assicura che siano prive di errori e omissioni né si assume alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni derivanti dal suo utilizzo. Tutte le informazioni e le opinioni ed eventuali prezzi indicati sono soggetti a variazione senza preavviso. Contenuti specifici di terze parti sono segnalati come tali. LOIM declina ogni responsabilità per danni indiretti, incidentali o consequenziali provocati da o in relazione all’uso di tali contenuti.

La Fonte dei dati è stata sempre riportata ove disponibile. Se non diversamente specificato, i dati sono elaborati da LOIM.

Non destinato a Soggetti Statunitensi (US Person): la presente comunicazione aziendale non è destinata a “Soggetti Statunitensi” (US Person), secondo la definizione del termine contenuta nella Regulation S del citato Act del 1933 e successive modifiche, o ai sensi dello United States Investment Company Act del 1940 e successive modifiche, né sarà registrata in base all’United States Investment Company Act del 1940 e successive modifiche o a qualsiasi altra legge federale. Né il presente documento, né alcuna sua copia possono essere inviati, portati o distribuiti negli Stati Uniti d’America, in uno dei suoi territori o possedimenti o in aree soggette alla sua giurisdizione o a beneficio di un Soggetto Statunitense. A tal fine, il termine “Soggetto Statunitense” indica qualsiasi cittadino, di nazionalità statunitense o residente degli Stati Uniti d’America, società di persone organizzata o esistente in qualsiasi stato, territorio o possedimento degli Stati Uniti d’America, una società di capitali organizzata secondo le leggi degli Stati Uniti o di qualsiasi stato, territorio o possedimento degli stessi, o qualsiasi proprietà o trust che sia soggetto all’imposta federale sul reddito degli Stati Uniti d’America indipendentemente dalla fonte del suo reddito.

Protezione dei dati: è possibile che riceviate questa Comunicazione perché ci avete fornito i vostri dati di contatto. In tal caso, vi segnaliamo che trattiamo i vostri dati personali per scopi di marketing diretto. Per ulteriori informazioni sulla politica di protezione dei dati di Lombard Odier si rimanda a www.lombardodier.com/privacy-policy

©2024 Lombard Odier IM. Tutti i diritti riservati