investment viewpoints

Quali sono i temi principali della trasformazione dei sistemi alimentari?

Quali sono i temi principali della trasformazione dei sistemi alimentari?
Conor Walsh, CFA - Portfolio Manager

Conor Walsh, CFA

Portfolio Manager
Michael Urban, PhD - Chief Sustainability Strategist

Michael Urban, PhD

Chief Sustainability Strategist

 

I sistemi alimentari di tutto il mondo devono essere urgentemente riorganizzati. Nella loro forma attuale, arrecano danni alle persone e al pianeta stimati in USD 12’000 miliardi all’anno. L’esigenza di un nuovo approccio genera un’importante opportunità d’investimento.

 

Messaggi importanti

  • Per centrare gli obiettivi delle politiche climatiche ed ecologiche globali, entro il 2030 dovremo restituire alla natura 1 miliardo di ettari di terreno
  • Se vogliamo nutrire il 25% di popolazione in più con il 20% di terreno in meno, dovremo cambiare le modalità di produzione, distribuzione e consumo dei generi alimentari
  • I sistemi alimentari del futuro creeranno nuovi profitti pari a USD 1’500 miliardi all’anno entro il 2030

 

Produrre di più consumando di meno

Se vogliamo evitare che i sistemi alimentari causino il collasso dei sistemi terrestri da cui dipendono, dobbiamo attuare trasformazioni radicali. I sistemi alimentari sono infatti i principali responsabili dei cambiamenti nella destinazione d’uso dei terreni, ma anche della maggior parte del consumo di acqua dolce.

I sistemi agricoli e alimentari globali devono tuttavia rispondere anche alle esigenze di una popolazione che passerà dagli attuali 8 miliardi a 10 miliardi di persone entro il 2050. La domanda totale di generi alimentari rischia di aumentare del 98% nello stesso arco di tempo.

La sfida consisterà nel passare a nuovi sistemi alimentari capaci di sfamare una popolazione in crescita rispettando i confini planetari o contribuendo al loro ripristino. Questa transizione, che svolge un ruolo fondamentale per raggiungere gli obiettivi globali in materia di clima e ambiente, promette di generare nuovi profitti stimati in USD 1’500 miliardi all’anno entro il 2030.

 

Nuove soluzioni per la produzione, il consumo e la distribuzione degli alimenti

Questa transizione sarà caratterizzata da nuove soluzioni per la produzione, il consumo e la distribuzione degli alimenti. Si passerà a pratiche come l’agricoltura rigenerativa e l’acquacoltura sostenibile e si applicheranno soluzioni tecnologiche; la domanda si trasformerà per effetto di un’alimentazione più sana con un maggiore consumo di alimenti vegetali e proteine alternative; infine anche le prassi operative verranno ripensate per includere modelli di circolarità negli ambiti di produzione, distribuzione e consumo.

 

Su quali temi principali è basata la transizione verso nuovi sistemi alimentari?

Confini planetari

NFS graphics_1.jpg (NFS graphics_1)

VECCHI SISTEMI ALIMENTARI NUOVI SISTEMI ALIMENTARI

Superamento dei limiti

Il 50% della produzione alimentare globale si fonda sul superamento dei limiti delle risorse planetarie, con conseguenti danni alla produttività e alla resilienza dei sistemi alimentari. 

Per citare qualche esempio, gli attuali sistemi alimentari:

•    sono responsabili di quasi il 90% della deforestazione globale 
•    degradano oltre il 50% dei nostri suoli 
•    provocano l’80% dei cambiamenti nella destinazione d’uso dei terreni e
•    consumano il 70% dell’acqua dolce1

La soluzione per ripristinare l’equilibrio

Per centrare gli attuali obiettivi in materia di clima e ambiente, i sistemi alimentari dovranno restituire 1 miliardo di ettari alla natura entro il 2030. I terreni agricoli dovranno essere ridotti del 20%, ovvero di un’estensione all’incirca equivalente a quella della Cina

 

 

Efficienza

NFS_graphics_2[1].jpg (Print)

VECCHI SISTEMI ALIMENTARI NUOVI SISTEMI ALIMENTARI

Uso del bestiame e del terreno

Trarre nutrimento dagli animali è una soluzione altamente inefficiente: l’80% dei terreni agricoli è utilizzato per l’alimentazione e il pascolo del bestiame che, tuttavia, produce solo il 20% delle calorie globali.

Sprechi nella distribuzione

Un terzo degli alimenti prodotti va perduto o sprecato, con la conseguenza che 1 miliardo di persone in tutto il mondo non dispone ancora di approvvigionamenti stabili e adeguati.

Produzione alimentare sostenibile

L’agricoltura convenzionale deve passare a un modello capace di combinare tecniche rigenerative e di precisione.

Al giorno d’oggi il 36% dei raccolti realizzati viene destinato all’alimentazione degli animali, mentre solo il 55% del totale è consumato direttamente dagli esseri umani. Poiché stiamo utilizzando un’elevata percentuale del raccolto per sfamare il bestiame, se vogliamo migliorare l’efficienza dei sistemi alimentari dobbiamo eliminare il passaggio intermedio costituito dal bestiame.

Distribuzione sostenibile dei generi alimentari

Per contribuire all’eliminazione degli sprechi si dovranno trasformare i sistemi di distribuzione, ideando soluzioni di imballaggio che migliorino la conservazione degli alimenti.

 

Salute degli esseri umani

NFS graphics_3.jpg (NFS graphics_3)

VECCHI SISTEMI ALIMENTARI NUOVI SISTEMI ALIMENTARI

Diete letali

Le diete povere causano ogni anno fino a 10 milioni di morti premature e aumentano anche il rischio di malattie croniche.

L’uso eccessivo di antibiotici nell’allevamento del bestiame rafforza la resistenza agli antimicrobici e pregiudica l’efficacia della medicina moderna nel trattamento delle infezioni.

Abitudini salutari

Dobbiamo produrre più alimenti a base vegetale e meno alimenti a base animale.

Esiste anche una forte richiesta di farmaci alternativi agli antimicrobici per curare la salute degli animali. Dopo avere raggiunto un valore di USD 9 miliardi nel 2021, si prevede che il mercato globale dei vaccini per animali aumenterà fino a USD 14 miliardi entro il 2030.2

 

Resilienza

NFS_graphics_4[1].jpg (NFS graphics_1 v1)

VECCHI SISTEMI ALIMENTARI

NUOVI SISTEMI ALIMENTARI

Vulnerabilità agli shock

Il conflitto in Ucraina ha avuto gravi conseguenze nel commercio globale di cereali e fertilizzanti, mettendo a nudo la vulnerabilità dei sistemi alimentari. 

Altri punti deboli emergeranno a seguito di fenomeni inevitabili come gli shock climatici. 

Resilienza integrata 

La diversificazione delle catene di fornitura migliorerà la resilienza dei sistemi alimentari, evitando la dipendenza da pochi grandi produttori.

Le pratiche di agricoltura rigenerativa possono migliorare la capacità di reazione delle colture agli shock climatici, mentre le colture di copertura riducono al minimo l’erosione e proteggono il terreno dal vento.

 

Forze politiche e popolari si stanno allineando per promuovere la transizione verso nuovi sistemi alimentari. A mano a mano che i consumatori si orientano verso un’alimentazione a base vegetale, si prevede che l’UE e il Nord America raggiungeranno il picco di produzione della carne entro il 2035. Al tempo stesso, il 90% del PIL globale e attivi in gestione per un valore di USD 130’000 miliardi puntano all’obiettivo dello zero netto. Una cosa è certa: i nuovi sistemi alimentari saranno molto diversi dal passato e comporteranno notevoli cambiamenti a livello commerciale – e di conseguenza anche interessanti opportunità di investimento.

Come stiamo investendo in questa transizione? Clicca qui per saperne di più

 

Fonti.

1 Fonte: LOIM analysis, based on Rockstrom et al (2015) and Randers, Rockstrom et al. “Transformation is Feasible” (2018)
2 (Wadekar, Manjrekar, & Sumant, 2021).

Informazioni importanti.

RISERVATO AGLI INVESTITORI PROFESSIONISTI

Il presente documento è stato pubblicato da Lombard Odier Funds (Europe) S.A., una società per azioni di diritto lussemburghese avente sede legale a 291, route d’Arlon, 1150 Lussemburgo, autorizzata e regolamentata dalla CSSF quale Società di gestione ai sensi della direttiva europea 2009/65/CE e successive modifiche e della direttiva europea 2011/61/UE  sui gestori di fondi di investimento alternativi (direttiva AIFM). Scopo della Società di gestione è la creazione, promozione, amministrazione, gestione e il marketing di OICVM lussemburghesi ed esteri, fondi d’investimento alternativi ("AIF") e altri fondi regolamentati, strumenti di investimento collettivo e altri strumenti di investimento, nonché l’offerta di servizi di gestione di portafoglio e consulenza per gli investimenti.
Lombard Odier Investment Managers (“LOIM”) è un marchio commerciale.
Questo documento è fornito esclusivamente a scopo informativo e non costituisce un’offerta o una raccomandazione di acquisto o vendita di titoli o servizi. Il presente documento non è destinato a essere distribuito, pubblicato o utilizzato in qualunque giurisdizione in cui tale distribuzione, pubblicazione o utilizzo fossero illeciti. Il presente documento non contiene raccomandazioni o consigli personalizzati e non intende sostituire un'assistenza professionale in materia di investimenti in prodotti finanziari. Prima di effettuare una transazione qualsiasi, l’investitore dovrebbe valutare attentamente se l’operazione è idonea alla propria situazione personale e, ove necessario, richiedere una consulenza professionale indipendente riguardo ai rischi e a eventuali conseguenze legali, normative, creditizie, fiscali e contabili. Il presente documento è proprietà di LOIM ed è rivolto al destinatario esclusivamente per uso personale. Il presente documento non può essere riprodotto (in tutto o in parte), trasmesso, modificato o utilizzato per altri fini senza la previa autorizzazione scritta di LOIM. Questo documento riporta le opinioni di LOIM alla data di pubblicazione.
Né il presente documento né copie di esso possono essere inviati, portati o distribuiti negli Stati Uniti d’America, nei loro territori e domini o in aree soggette alla loro giurisdizione, oppure a o a favore di US Person. A tale proposito, con l’espressione “US Person” s’intende un soggetto avente cittadinanza, nazionalità o residenza negli Stati Uniti d’America, una società di persone costituita o esistente in uno qualsiasi degli stati, dei territori, o dei domini degli Stati Uniti d’America, o una società di capitali disciplinata dalle leggi degli Stati Uniti o di un qualsiasi loro stato, territorio o dominio, o ogni patrimonio o trust il cui reddito sia soggetto alle imposte federali statunitensi, indipendentemente dal luogo di provenienza.
Fonte dei dati: se non indicato diversamente, i dati sono elaborati da LOIM.
Alcune informazioni sono state ottenute da fonti pubbliche ritenute attendibili, ma in assenza di una verifica indipendente non possiamo garantire la loro correttezza e completezza.
I giudizi e le opinioni qui espresse hanno esclusivamente scopo informativo e non costituiscono una raccomandazione di LOIM a comprare, vendere o conservare un titolo. I giudizi e le opinioni sono validi alla data della presentazione, possono essere soggetti a modifiche e non devono essere intesi come una consulenza di investimento. Non dovrebbero essere intesi come una consulenza di investimento.
Il presente documento non può essere (i) riprodotto, fotocopiato o duplicato, in alcuna forma o maniera, né (ii) distribuito a persone che non siano dipendenti, funzionari, amministratori o agenti autorizzati del destinatario, senza il previo consenso di Lombard Odier Funds (Europe) S.A. ©2022 Lombard Odier IM. Tutti i diritti riservati.