La Transizione verso modalità di trasporto “CLIC” – il tasso di penetrazione dei veicoli elettrici è sottostimato

investment viewpoints

La Transizione verso modalità di trasporto “CLIC” – il tasso di penetrazione dei veicoli elettrici è sottostimato

Kristina Church - Senior Investment Strategist for sustainable investment

Kristina Church

Senior Investment Strategist for sustainable investment

Per realizzare gli obiettivi previsti dall’Accordo di Parigi, le emissioni legate ai trasporti - fra cui quelli pesanti e a lungo raggio - si devono quasi dimezzare entro il 20501. E a tal fine serve un “decoupling” tra emissioni e crescita economica, pur continuando al contempo a soddisfare il crescente fabbisogno di spostamenti di persone e merci.  Dobbiamo passare a un modello di trasporto in linea con l’obiettivo dello zero netto, guidato dalla rivoluzione digitale e che sia circolare, snello, inclusivo e pulito: l’abbiamo battezzata la Transizione verso modalità di trasporto “CLIC” (Circular, Lean, Inclusive, Clean), e crediamo che offrirà opportunità di investimento per 2 trilioni di dollari l’anno. La transizione deve essere inclusiva per tutti, ottimizzare i costi e soddisfare la crescente domanda di mobilità in un mondo post-COVID-19.

 

Figura 1: Oggi la mobilità segue un modello di economia dello spreco, inattiva, asimmetrica e sporca (Wasteful, Idle, Lopsided, Dirty o “WILD*”), ma deve urgentemente passare a un modello “CLIC*” (Circular, Lean, Inclusive, Clean), ovvero circolare, snello, inclusivo e pulito

 

CLIC-WILD-for-Mobility-Whitepaper-765px_IT.jpg
Fonte: LOIM
* CLIC = Circular (circolare), Lean (snello), Inclusive (inclusivo), Clean (pulito); WILD = Wasteful (spreco), Idle (inattivo), Lopsided (asimmetrico), Dirty (sporco).
 

I costi del COVID-19 in termini di vite umane e danni economici hanno evidenziato non solo le inefficienze del nostro attuale modello di mobilità2, ma anche l’interconnessione fra virus a diffusione aerea3 e le devastanti implicazioni sanitarie dell’inquinamento atmosferico4. Secondo stime dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), il trasporto su strada genera fino al 30% del particolato nelle città europee e fino al 50% nei paesi OCSE5. I lockdown su scala globale hanno offerto una breve tregua in molte aree urbane, con riduzioni degli ingorghi fino all’85%6 in alcune regioni e un calo dell’inquinamento atmosferico di oltre il 50%7. Anche se le abitudini di mobilità andranno lentamente a normalizzarsi con la progressiva rimozione delle misure di lockdown, crediamo che la tendenza a favore dei veicoli elettrici sia ben radicata e destinata a proseguire senza sosta, anche perché le normative locali tendono sempre più a penalizzare l’attuale modello di mobilità incentrato sui motori a combustione. E crediamo sia importante concentrarsi sulle opportunità d’investimento offerte dal modello di mobilità emergente.

Un modo relativamente semplice per decarbonizzare i trasporti leggeri e a corto raggio è rappresentato dall’elettrificazione. Recenti svolte nella tecnologia a batteria permettono di percorrere lunghe distanze con sistemi di mobilità elettrica a costi nettamente ridotti. Oggi il costo totale di proprietà offerto da un veicolo elettrico è generalmente più appetibile rispetto all’omologo con motore a combustione. In media un veicolo elettrico a batterie (BEV) costa 0,65 euro al miglio, in linea con una vettura a combustione interna equivalente (ICE). Ma alcune iniziative stanno rendendo ancora più economica la mobilità elettrica, come gli incentivi all’acquisto di BEV e misure di supporto normativo su scala locale (ad es. esenzione dalle zone a traffico limitato o tariffe di parcheggio ridotte). Ancor più attraente risulta il costo totale di proprietà dei veicoli elettrici a batterie se si pensa alle flotte aziendali (trasporto merci, mezzi di trasporto per consegne, taxi, ecc.), dato che i costi di gestione aumentano all’aumentare dei chilometri percorsi. I caricabatterie domestici sono sempre più economici e gli investimenti in infrastrutture di ricarica pubbliche sono in rapida crescita. Oggi i veicoli elettrici arrivano a coprire distanze intorno ai 500 km con una sola carica, il che attenua i timori dei conducenti circa l’autonomia del veicolo.

Crediamo che le previsioni di terzi stiano ignorando il punto di flesso verso i veicoli elettrici e sottostimando i tassi di penetrazione. In alcuni primari mercati europei, come la Germania e il Regno Unito, la domanda di veicoli elettrici ha visto una crescita a tre cifre - anche a marzo, in pieno lockdown - mentre le vendite di vetture a combustione interna sono crollate del 50%. Bloomberg New Energy Finance (BNEF) prevede un calo complessivo del 18% per le vendite di veicoli elettrici nel 2020, complice la debole domanda dalla Cina, ma conferma prospettive intatte a lungo termine8. Dal canto nostro riconosciamo gli attuali limiti in termini di capacità delle batterie, ma crediamo che saranno superati con l’accelerazione della domanda. A nostro parere, il diffondersi di normative e incentivi a livello nazionale - e sempre più a livello locale - favorirà una maggiore adozione da parte dei consumatori. Quando i costi delle batterie toccheranno il “punto di svolta” di $100/KWh nel 2023, le case automobilistiche riusciranno a portare la redditività nella produzione di veicoli elettrici a batteria al livello delle vetture a combustione interna. E a quel punto le attuali previsioni sui veicoli elettrici si riveleranno eccessivamente pessimistiche. Le auto hanno impiegato solo due decenni a sottrarre il 95% della quota di mercato ai cavalli; per la mobilità elettrica ci attendiamo una velocità analoga.

 
Figura 2: Quota di mercato auto vs. cavallo (%)
 
Horse-v-car_IT.jpg
Fonte: LOIM
 

A luglio, Tesla ha scavalcato Toyota e conquistato il primato di casa automobilistica con la capitalizzazione di mercato più elevata. Ci attendiamo numerose opportunità d’investimento lungo l’intera supply chain dei veicoli elettrici, dalle attività estrattive alle celle per batterie, dalla produzione automobilistica alle infrastrutture di ricarica, fino ai semiconduttori.

 
Figura 3: Previsioni del BNEF sul tasso di penetrazione dei veicoli elettrici privati nella flotta
 
 

BNEF-forecast_IT.jpg

 

Emission-pathways_IT.jpg

Fonte: LOIM
1 MaaS = Mobility as a Service
 

In ogni caso, per una vera decarbonizzazione dei trasporti la mobilità elettrica da sola non basta: deve essere accompagnata da risparmi in termini di efficienza, in modo da ottimizzare i tragitti e ridurre gli spostamenti superflui. Ad esempio attraverso i cambiamenti modali, altro elemento essenziale per trasformare le abitudini dei consumatori e indurli a utilizzare forme di mobilità più attive e a minore impatto, come biciclette, mezzi a due ruote e microveicoli. I microveicoli elettrici sono sempre più adatti a percorrere anche distanze relativamente lunghe. Serviranno forse normative per disincentivare le forme di trasporto meno pulite e promuovere la micromobilità e la mobilità condivisa, ma crediamo che anche i gusti dei consumatori stiano virando verso un consumo più consapevole.

Ci attendiamo notevoli opportunità d’investimento in tutte le tipologie di mobilità elettrica, incluse soluzioni di micromobilità e veicoli elettrici per consegne e per trasporto merci a corto raggio. Molte città (fra cui Parigi, Londra9 e Roma) stanno attuando piani per disincentivare l’uso dell’auto dopo il lockdown e promuovere una mobilità attiva, nonché consegne di alimenti e al dettaglio a emissioni zero. Risultato: le vendite di e-bike si sono impennate e le soluzioni di micromobilità condivisa si sono moltiplicate10. Crediamo che il trend sia destinato a proseguire, dato che anche altre città stanno dedicando risorse per la ripresa a soluzioni di mobilità elettrica e condivisa. Inoltre ci attendiamo normative sempre più mirate alla decarbonizzazione dei trasporti pesanti e a lungo raggio, dove l’abbattimento delle emissioni è più difficile. Sul fronte dei trasporti pesanti e di lungo raggio, le celle a idrogeno potrebbero rivelarsi la soluzione a basso carbonio più efficiente nel tempo, anche se serviranno ingenti investimenti per abbassare i costi delle tecnologie, installare infrastrutture e garantire una produzione di idrogeno che sia “ecologica”.

 

fonti.

1 Analisi LOIM
2 Secondo alcuni studi, gli ingorghi costano il 2% del PIL in Europa e fino al 10% del PIL nei mercati emergenti: Zhao, X., Mahendra, A., Godfrey, N., Dalkmann, H., Rode, P., e Floater, G., 2015: The New Climate Economy – Technical Note: Unlocking the Power of Urban Transport Systems for Better Growth and a Better Climate (https://newclimateeconomy.report/workingpapers/workingpaper/unlocking-the-power-of-urban-transport-systems-for-better-growth-and-a-better-climate/)
4 L’inquinamento atmosferico costa 3,5 trilioni di dollari l’anno, di cui la metà legati al trasporto su strada: Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), 2014: The Cost of Air Pollution: Health Impacts of Road Transport (Il costo dell’inquinamento: impatti sanitari del trasporto su strada, disponibile in lingua inglese e francese all’indirizzo https://www.oecd.org/env/the-cost-of-air-pollution-9789264210448-en.htm)
8 BNEF Electric Vehicle Outlook 2020, 19 maggio 2020.
9 Il 18 maggio la metropolitana di Londra ha trasportato solo l’8% dei passeggeri rispetto all’anno precedente. Per evitare che l’uso delle auto private torni a salire, la Corporation of London - l’organo di governo municipale della City di Londra - propone di modificare radicalmente la rete viaria per dare più spazio a pedoni e ciclisti, e di interdire il transito veicolare in alcune strade. https://www.theguardian.com/uk-news/2020/may/15/large-areas-of-london-to-be-made-car-free-as-lockdown-eased#maincontent

Mobility-White-Paper-cover-for-web-button.jpg

Scarica il documento

Questo potrebbe essere un momento decisivo per il trasporto, soprattutto considerando l'impatto della pandemia COVID-19. Ci riferiamo al nostro attuale sistema di trasporto come WILD, che sta per Wasteful, Idle, Lopsided e Dirty. Il trasporto deve passare a un modello CLIC, che sta per Circolare, Snello, Inclusivo e Pulito, permettendo, e anche incoraggiando, una ripresa della crescita economica e della mobilità.

 

 Clicca qui per scaricare il documento

Informazioni importanti.

Il presente documento è stato pubblicato da Lombard Odier Funds (Europe) S.A., una società per azioni di diritto lussemburghese avente sede legale a 291, route d’Arlon, 1150 Lussemburgo, autorizzata e regolamentata dalla CSSF quale Società di gestione ai sensi della direttiva europea 2009/65/CE e successive modifiche e della direttiva europea 2011/61/UE sui gestori di fondi di investimento alternativi (direttiva AIFM). Scopo della Società di gestione è la creazione, promozione, amministrazione, gestione e il marketing di OICVM lussemburghesi ed esteri, fondi d’investimento alternativi ("AIF") e altri fondi regolamentati, strumenti di investimento collettivo e altri strumenti di investimento, nonché l’offerta di servizi di gestione di portafoglio e consulenza per gli investimenti.
Lombard Odier Investment Managers (“LOIM”) è un marchio commerciale.
Questo documento è fornito esclusivamente a scopo informativo e non costituisce un’offerta o una raccomandazione di acquisto o vendita di titoli o servizi. Il presente documento non è destinato a essere distribuito, pubblicato o utilizzato in qualunque giurisdizione in cui tale distribuzione, pubblicazione o utilizzo fossero illeciti. Il presente documento non contiene raccomandazioni o consigli personalizzati e non intende sostituire un'assistenza professionale in materia di investimenti in prodotti finanziari. Prima di effettuare una transazione qualsiasi, l’investitore dovrebbe valutare attentamente se l’operazione è idonea alla propria situazione personale e, ove necessario, richiedere una consulenza professionale indipendente riguardo ai rischi e a eventuali conseguenze legali, normative, creditizie, fiscali e contabili. Il presente documento è proprietà di LOIM ed è rivolto al destinatario esclusivamente per uso personale. Il presente documento non può essere riprodotto (in tutto o in parte), trasmesso, modificato o utilizzato per altri fini senza la previa autorizzazione scritta di LOIM. Questo documento riporta le opinioni di LOIM alla data di pubblicazione.
Né il presente documento né copie di esso possono essere inviati, portati o distribuiti negli Stati Uniti d’America, nei loro territori e domini o in aree soggette alla loro giurisdizione, oppure a o a favore di US Person. A tale proposito, con l’espressione “US Person” s’intende un soggetto avente cittadinanza, nazionalità o residenza negli Stati Uniti d’America, una società di persone costituita o esistente in uno qualsiasi degli stati, dei territori, o dei domini degli Stati Uniti d’America, o una società di capitali disciplinata dalle leggi degli Stati Uniti o di un qualsiasi loro stato, territorio o dominio, o ogni patrimonio o trust il cui reddito sia soggetto alle imposte federali statunitensi, indipendentemente dal luogo di provenienza.
Fonte dei dati: se non indicato diversamente, i dati sono elaborati da LOIM.
Alcune informazioni sono state ottenute da fonti pubbliche ritenute attendibili, ma in assenza di una verifica indipendente non possiamo garantire la loro correttezza e completezza.
I giudizi e le opinioni qui espresse hanno esclusivamente scopo informativo e non costituiscono una raccomandazione di LOIM a comprare, vendere o conservare un titolo. I giudizi e le opinioni sono validi alla data della presentazione, possono essere soggetti a modifiche e non devono essere intesi come una consulenza di investimento. Non dovrebbero essere intesi come una consulenza di investimento.
Il presente documento non può essere (i) riprodotto, fotocopiato o duplicato, in alcuna forma o maniera, né (ii) distribuito a persone che non siano dipendenti, funzionari, amministratori o agenti autorizzati del destinatario, senza il previo consenso di Lombard Odier Funds (Europe) S.A. ©2020 Lombard Odier IM. Tutti i diritti riservati.