Il credito asiatico: l’emergere di una nuova asset class

investment viewpoints

Il credito asiatico: l’emergere di una nuova asset class

Dhiraj Bajaj - Head of Asia Fixed Income

Dhiraj Bajaj

Head of Asia Fixed Income
Tobias Bracey - Stratega del credito e Gestore del portafoglio clienti

Tobias Bracey

Stratega del credito e Gestore del portafoglio clienti

L’Asia è stata protagonista di una straordinaria riforma strutturale negli ultimi decenni. Al di là di uno sviluppo orientato alle esportazioni, la regione ha assistito a una crescente diversificazione economica, una maggiore trasparenza dei governi e un rafforzamento dei mercati dei capitali.

Di conseguenza, si moltiplicano le opportunità nelle obbligazioni societarie, poiché gli emittenti asiatici sfruttano sempre più i mercati internazionali del debito denominati in USD.

Siamo convinti che gli investitori nel credito globale debbano creare un’apposita allocazione al credito asiatico1, con la prospettiva di finanziare lo sviluppo e l’espansione di società appartenenti alla regione con la crescita più rapida a livello mondiale. Il nostro approccio decorrelato mira alla costruzione di portafogli più diversificati e interessanti.

 

Cinque motivi per cui il credito asiatico si rivela promettente

  1. Le dimensioni dell’universo del credito asiatico stanno crescendo in modo esponenziale

L’importo nominale del credito asiatico denominato in valuta forte è cresciuto da 250 miliardi di USD nel 2007 a oltre 1.200 miliardi di USD nel 20192. Il notevole aumento ha fatto sì che alla componente asiatica del mercato possa attribuirsi al momento oltre il 50% dell’universo del credito denominato in USD dei mercati emergenti (ME)3.

 

2. L’affidabilità creditizia asiatica è migliorata rispetto ad altri mercati emergenti. 
 
In termini di capitalizzazione di mercato, il credito degli emittenti asiatici è in media di qualità investment grade, mentre altri ME principali (quali America Latina e CEEMEA) sono scivolati nelle fasce high yield. La differenza è dovuta all’elevato rating medio del debito denominato in USD emesso dagli emittenti asiatici, rispetto alla qualità di rating inferiore (e generalmente in deterioramento) di altri mercati del credito emergenti4. Questa evoluzione dei rating ha trainato l’aumento della quota asiatica per l’emissione complessiva investment grade dei ME. 
 
3. Gli emittenti sono sempre più diversificati 
 
La crescita economica e lo sviluppo della regione sono tali da aver favorito l’entrata nel mercato di nuovi emittenti in settori che non esistevano fino a cinque o dieci anni fa. Dal nostro punto di vista, il credito asiatico in valuta forte offre un’esposizione a large cap diversificata a livello settoriale, mentre lo stesso non si può dire dell’universo del credito più ampio dei ME, nonché delle obbligazioni asiatiche in valuta locale. Tra gli altri settori, i nuovi emittenti comprendono società di punta i) nell’energia rinnovabile, ii) nelle tecnologie e iii) nell’immobiliare.
 
4. I parametri di leva finanziaria sono positivi e i tassi di insolvenza sono bassi 
 
Gli emittenti asiatici sono meno aggressivi di altri crediti dei ME in termini di leva finanziaria e i coefficienti di leva finanziaria sono in diminuzione dal 20135. In questo periodo, le società asiatiche hanno generalmente dato la priorità alla crescita redditizia rispetto a un’espansione finanziata dal debito. Anche in condizioni di liquidità più contratte per i ME a partire dal 2013, le società e i governi asiatici si sono preparati di conseguenza, mantenendo una leva finanziaria stabile e relativamente bassa. I tassi di insolvenza societari sono bassi, al 2,2%, soprattutto rispetto ad altre regioni. I tassi di insolvenza storici in Asia si sono inoltre rivelati inferiori a quelli dell’America Latina in fasi di stress di mercato.  
 
5. La domanda per il credito asiatico è interna alla regione
 
Gli investitori locali detengono una quota del mercato del debito asiatico in USD ampia e in crescita. L’allocazione a investitori asiatici di nuove emissioni asiatiche in USD nei mercati primari sta registrando una crescita graduale e rappresenta al momento oltre l’80%7, rendendo il credito asiatico molto meno esposto ai flussi di “hot money” da parte di investitori internazionali e diminuendo di conseguenza la vulnerabilità del mercato a fattori esterni. 

 

Siamo del parere che vi siano diverse possibilità estremamente interessanti nel credito asiatico.

 

Per i termini chiave, consultare il glossario.

Cliccare qui per scaricare il testo completo.

fonti.

1 Il termine “credito asiatico” si riferisce al debito emesso in valuta forte dagli emittenti asiatici.

2 Fonte: JP Morgan ad agosto 2019.

3 Fonte: JP Morgan ad agosto 2019.

4 Fonte: elementi costitutivi di JP Morgan JACI al 30 agosto 2019.

5 La leva netta si riferisce al rapporto EBITDA/debito netto. Fonte: JP Morgan, Bloomberg, Capital Q. Fa riferimento a dati comprendenti gli utili del primo trimestre 2019.

6 Fonte: JP Morgan. A gennaio 2019. Secondo JP Morgan il tasso di insolvenza (ex 100% quasis) nel 2013 era pari all’1,2% per l’Asia e al 10,6% per l’America Latina. Nel 2016 il tasso di insolvenza era pari all’1% per l’Asia e il 9,2% per l’America Latina.

7 Fonte: Bond Radar, Bloomberg, stime J.P Morgan. Ad agosto 2019.

informazioni importanti.

RISERVATO AGLI INVESTITORI PROFESSIONISTI

Il presente documento è stato pubblicato da Lombard Odier Funds (Europe) S.A., una società per azioni di diritto lussemburghese avente sede legale a 291, route d’Arlon, 1150 Lussemburgo, autorizzata e regolamentata dalla CSSF quale Società di gestione ai sensi della direttiva europea 2009/65/CE e successive modifiche e della direttiva europea 2011/61/UE sui gestori di fondi di investimento alternativi (direttiva AIFM). Scopo della Società di gestione è la creazione, promozione, amministrazione, gestione e il marketing di OICVM lussemburghesi ed esteri, fondi d’investimento alternativi ("AIF") e altri fondi regolamentati, strumenti di investimento collettivo e altri strumenti di investimento, nonché l’offerta di servizi di gestione di portafoglio e consulenza per gli investimenti.

Lombard Odier Investment Managers (“LOIM”) è un marchio commerciale.

Questo documento è fornito esclusivamente a scopo informativo e non costituisce un’offerta o una raccomandazione di acquisto o vendita di titoli o servizi. Il presente documento non è destinato a essere distribuito, pubblicato o utilizzato in qualunque giurisdizione in cui tale distribuzione, pubblicazione o utilizzo fossero illeciti. Il presente documento non contiene raccomandazioni o consigli personalizzati e non intende sostituire un'assistenza professionale in materia di investimenti in prodotti finanziari. Prima di effettuare una transazione qualsiasi, l’investitore dovrebbe valutare attentamente se l’operazione è idonea alla propria situazione personale e, ove necessario, richiedere una consulenza professionale indipendente riguardo ai rischi e a eventuali conseguenze legali, normative, creditizie, fiscali e contabili. Il presente documento è proprietà di LOIM ed è rivolto al destinatario esclusivamente per uso personale. Il presente documento non può essere riprodotto (in tutto o in parte), trasmesso, modificato o utilizzato per altri fini senza la previa autorizzazione scritta di LOIM. Questo documento riporta le opinioni di LOIM alla data di pubblicazione.

Né il presente documento né copie di esso possono essere inviati, portati o distribuiti negli Stati Uniti d’America, nei loro territori e domini o in aree soggette alla loro giurisdizione, oppure a o a favore di US Person. A tale proposito, con l’espressione “US Person” s’intende un soggetto avente cittadinanza, nazionalità o residenza negli Stati Uniti d’America, una società di persone costituita o esistente in uno qualsiasi degli stati, dei territori, o dei domini degli Stati Uniti d’America, o una società di capitali disciplinata dalle leggi degli Stati Uniti o di un qualsiasi loro stato, territorio o dominio, o ogni patrimonio o trust il cui reddito sia soggetto alle imposte federali statunitensi, indipendentemente dal luogo di provenienza.

Fonte dei dati: se non indicato diversamente, i dati sono elaborati da LOIM.

Alcune informazioni sono state ottenute da fonti pubbliche ritenute attendibili, ma in assenza di una verifica indipendente non possiamo garantire la loro correttezza e completezza.

I giudizi e le opinioni qui espresse hanno esclusivamente scopo informativo e non costituiscono una raccomandazione di LOIM a comprare, vendere o conservare un titolo. I giudizi e le opinioni sono validi alla data della presentazione, possono essere soggetti a modifiche e non devono essere intesi come una consulenza di investimento. Non dovrebbero essere intesi come una consulenza di investimento.

Il presente documento non può essere (i) riprodotto, fotocopiato o duplicato, in alcuna forma o maniera, né (ii) distribuito a persone che non siano dipendenti, funzionari, amministratori o agenti autorizzati del destinatario, senza il previo consenso di Lombard Odier Funds (Europe) S.A.

©2019 Lombard Odier IM. Tutti i diritti riservati.