investment viewpoints

Materiali ad alte prestazioni: l’efficienza contribuisce a preservare la natura

Materiali ad alte prestazioni: l’efficienza contribuisce a preservare la natura
Alina Donets - Portfolio Manager

Alina Donets

Portfolio Manager
Pascal Menges - Head of Equity Investment Process and Research, Client Portfolio Manager

Pascal Menges

Head of Equity Investment Process and Research, Client Portfolio Manager

 

Il nostro sistema attuale – “take-make-waste” (prendi, produci e getta) – danneggia la natura estraendo quantità eccessive di risorse naturali. I materiali ad alte prestazioni possono contribuire a ridurre questa pressione. Le innovazioni riguardanti la formulazione dei materiali consentono un maggiore riutilizzo e riciclo delle risorse minerarie; una maggiore resistenza e durata dei materiali e, di conseguenza dei manufatti e delle strutture; e prestazioni uguali o addirittura superiori impiegando questi input in minori quantità. Tali soluzioni possono contribuire in misura considerevole a ridurre la domanda di materie prime vergini. 

 

Messaggi importanti

  • L’utilizzo di materiali ad alte prestazioni o ingegnerizzati consente di tutelare le risorse naturali e prolungare il loro utilizzo nell’economia, offrendo al contempo prestazioni simili o addirittura superiori. Questi materiali sono impiegati in settori che spaziano dai beni di consumo – quali abbigliamento e imballaggi alimentari – ad ambiti industriali a più larga scala, ad esempio l’industria aerospaziale o delle costruzioni. Innovazioni del genere sono indispensabili per ridurre l’impronta ambientale dei settori e, in particolare, il loro impatto sulla natura
  • Se, da un lato, l’industria estrattiva e i metalli continueranno a svolgere un ruolo fondamentale nella produzione di beni e servizi, dall’altro il settore metallurgico deve perseverare nella ricerca di soluzioni che migliorino la gestione delle sue attività, comprese formulazioni più intelligenti di materiali tradizionali con prestazioni avanzate
  • Mentre i consumatori si sforzano di ridurre il proprio impatto ambientale, le imprese hanno una grande opportunità di conquistare quote di mercato utilizzando materiali più sostenibili e duraturi per i propri prodotti, unitamente a versioni riciclabili e/o riciclate di risorse tradizionali quali l’alluminio

 

Valorizzare il potere rigenerativo della natura

Il riconoscimento del valore economico del patrimonio naturale è alla base della transizione verso un nuovo modello economico circolare, di ispirazione biologica, dove le risorse naturali sono rinnovabili, gestite in modo sostenibile, utilizzate con efficienza, recuperate e utilizzate il più a lungo possibile.

In LOIM abbiamo l’opportunità di investire nelle imprese che valorizzano il potere rigenerativo della natura, un concetto che è alla base della nostra strategia Natural Capital. Abbiamo individuato un universo d’investimento di oltre 650 aziende.

I materiali ad alte prestazioni rientrano nel sottotema d’investimento «uso efficiente delle risorse», una delle quattro opportunità di crescita individuate dalla strategia.

FIG. 1 I quattro temi d’investimento alla base della strategia Natural Capital

Fonte: LOIM. A soli fini illustrativi

Utilizzare materiali ad alte prestazioni è indispensabile per ridurre gli impatti ambientali e, in particolare, gli effetti negativi sulla natura. Si potrebbe, ad esempio, prolungare l’utilizzo delle risorse minerarie mediante riciclo o trovare soluzioni per ridurre la quantità di materiali necessari.

Le aziende innovative utilizzano anche additivi per rendere materiali tradizionali quali il cemento e l’acciaio più resistenti e resilienti, e quindi più duraturi, scoprendo al contempo soluzioni per ridurre l’impronta ambientale dei propri processi produttivi.

 

Perché l’impronta è così grande?

Facciamo un esempio di impatto ambientale della catena di fornitura, esaminando l’alluminio, che è sempre più frequentemente il materiale di elezione per molti settori. Le case automobilistiche, ad esempio, utilizzano questo metallo per ridurre il peso dei veicoli con motore a combustione interna e migliorarne le prestazioni, mentre le aziende che operano nel settore dei beni di consumo guardano all’alluminio come imballaggio alternativo alla plastica, difficile da riciclare.

L’alluminio è ottenuto dalla bauxite, estratta dal suolo in miniere a cielo aperto. La bauxite è raffinata tramite processi chimici dai quali si ottiene l’allumina sotto forma di polvere bianca, che viene sciolta, fusa e sottoposta a processo elettrolitico trasformandosi in alluminio.

Nel complesso, i processi di estrazione e raffinazione sono energivori, possono creare inquinamento atmosferico e idrico e, se mal gestiti, danneggiare gli ecosistemi che costituiscono gli habitat per la diversità biologica.

 

Riciclare di più

Negli ultimi anni le società minerarie prestano maggiore attenzione alle tematiche ambientali, predisponendo piani per ripristinare e rivitalizzare gli ecosistemi danneggiati dalle attività estrattive. Il programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) ha esortato le aziende del settore ad approfondire e apprezzare di più il valore della biodiversità, quanto meno in relazione alle attività che svolgono.

Inoltre, queste imprese possono soddisfare la crescente domanda di materiali facili da riciclare. Le operazioni di riciclo dell’alluminio, ad esempio, utilizzano solo il 5% dell’energia richiesta per estrarre il metallo dal minerale.Il riciclo di 1 tonnellata di alluminio fa risparmiare circa 6 tonnellate di bauxite che, di conseguenza, deve essere estratta in minore quantità.

Secondo previsioni formulate dall’International Aluminium Institute, entro il 2050 l’alluminio riciclato potrebbe soddisfare il 50% della domanda. Nel complesso, la dimensione del mercato globale del riciclo dei metalli dovrebbe aumentare da USD 217 miliardi nel 2020 a USD 368,7 miliardi nel 2030, con un tasso di crescita annuo composto (CAGR) del 5,2% dal 2021 al 2030.2

Norme più severe da parte dei governi contribuiranno a promuovere l’utilizzo di materiali sostenibili. A marzo 2020, ad esempio, la Commissione europea ha adottato un nuovo piano d’azione per l’economia circolare, un caposaldo del Green Deal europeo,  l’agenda della sostenibilità dell’UE.


Il dilemma del calcestruzzo

Anche il settore delle costruzioni è considerato una priorità assoluta per promuovere la circolarità.

Il calcestruzzo è il materiale edile più utilizzato, con un’impronta ecologica che deve essere compensata. Infatti, il calcestruzzo è stato definito “il materiale più distruttivo del pianeta”, responsabile, tra l’altro, del consumo di quasi il 10% delle riserve idriche industriali su scala mondiale.3

La buona notizia è che le aziende del settore stanno trovando soluzioni al problema. Nuovi additivi – ad esempio additivi di macinazione e potenziatori di resistenza – e nuovi processi per il riciclo del cemento possono produrre un materiale più resistente, che dura più a lungo, senza necessitare correzioni o demolizioni. Gli additivi riducono l’utilizzo di risorse quali acqua ed energia, diminuendo al contempo il fabbisogno di cemento, uno dei principali ingredienti del calcestruzzo.

Ciò ha un duplice vantaggio: rendere la costruzione molto più efficiente e redditizia e ridurre l’impatto ambientale.

 

Un vantaggio per le aziende

Poiché i consumatori focalizzano sempre di più l’attenzione sull’impronta ecologica dei beni che utilizzano, le aziende hanno l’opportunità di guadagnare quote di mercato utilizzando versioni riciclabili e sostenibili di materiali tradizionali quali l’alluminio.

Alla luce delle distorsioni del commercio mondiale e della svolta all’autosufficienza e indipendenza regionale sul piano delle risorse, gli investimenti focalizzano sempre di più l’attenzione su attività economiche legate al riciclo, riutilizzo e uso ottimizzato dei materiali.
 

Poiché i consumatori focalizzano sempre di più l’attenzione sull’impronta ecologica dei beni che utilizzano, le aziende hanno l’opportunità di guadagnare quote di mercato utilizzando versioni riciclabili e sostenibili di materiali tradizionali quali l’alluminio.

 

Noi di LOIM crediamo che la natura sia l’asset più produttivo, indispensabile per la crescita economica. La crescente consapevolezza del danno che l’umanità ha inflitto alla natura ha fatto cambiare atteggiamento e favorito l’ascesa di un nuovo modello di economia circolare.  

Questo nuovo modello non solo contribuisce a tutelare l’ambiente e a preservare le risorse biologiche, ma comporta anche vantaggi importanti per le aziende.

Inoltre, in tutto il mondo sono sempre più numerose le imprese che assumono impegni a favore della sostenibilità e che cercheranno, pertanto, di utilizzare input che consentiranno loro di allineare il design dei prodotti a obiettivi di riduzione delle impronte ecologiche e di incorporazione del concetto di circolarità.

Le aziende che riescono a far fronte a questo cambiamento della domanda godranno di una crescita pluridecennale.

 

Fonti

1. Aluminum – a light metal with a massive impact’, Rainforest Rescue, accessed August 2022.
2. ‘Post-consumer aluminium scrap tops 20 million tonnes for the first time’, International Aluminium Institute, 25 May 2021.
 
 

Informazioni importanti.

RISERVATO AGLI INVESTITORI PROFESSIONISTI

Il presente documento è stato pubblicato da Lombard Odier Funds (Europe) S.A., una società per azioni di diritto lussemburghese avente sede legale a 291, route d’Arlon, 1150 Lussemburgo, autorizzata e regolamentata dalla CSSF quale Società di gestione ai sensi della direttiva europea 2009/65/CE e successive modifiche e della direttiva europea 2011/61/UE  sui gestori di fondi di investimento alternativi (direttiva AIFM). Scopo della Società di gestione è la creazione, promozione, amministrazione, gestione e il marketing di OICVM lussemburghesi ed esteri, fondi d’investimento alternativi ("AIF") e altri fondi regolamentati, strumenti di investimento collettivo e altri strumenti di investimento, nonché l’offerta di servizi di gestione di portafoglio e consulenza per gli investimenti.
Lombard Odier Investment Managers (“LOIM”) è un marchio commerciale.
Questo documento è fornito esclusivamente a scopo informativo e non costituisce un’offerta o una raccomandazione di acquisto o vendita di titoli o servizi. Il presente documento non è destinato a essere distribuito, pubblicato o utilizzato in qualunque giurisdizione in cui tale distribuzione, pubblicazione o utilizzo fossero illeciti. Il presente documento non contiene raccomandazioni o consigli personalizzati e non intende sostituire un'assistenza professionale in materia di investimenti in prodotti finanziari. Prima di effettuare una transazione qualsiasi, l’investitore dovrebbe valutare attentamente se l’operazione è idonea alla propria situazione personale e, ove necessario, richiedere una consulenza professionale indipendente riguardo ai rischi e a eventuali conseguenze legali, normative, creditizie, fiscali e contabili. Il presente documento è proprietà di LOIM ed è rivolto al destinatario esclusivamente per uso personale. Il presente documento non può essere riprodotto (in tutto o in parte), trasmesso, modificato o utilizzato per altri fini senza la previa autorizzazione scritta di LOIM. Questo documento riporta le opinioni di LOIM alla data di pubblicazione.
Né il presente documento né copie di esso possono essere inviati, portati o distribuiti negli Stati Uniti d’America, nei loro territori e domini o in aree soggette alla loro giurisdizione, oppure a o a favore di US Person. A tale proposito, con l’espressione “US Person” s’intende un soggetto avente cittadinanza, nazionalità o residenza negli Stati Uniti d’America, una società di persone costituita o esistente in uno qualsiasi degli stati, dei territori, o dei domini degli Stati Uniti d’America, o una società di capitali disciplinata dalle leggi degli Stati Uniti o di un qualsiasi loro stato, territorio o dominio, o ogni patrimonio o trust il cui reddito sia soggetto alle imposte federali statunitensi, indipendentemente dal luogo di provenienza.
Fonte dei dati: se non indicato diversamente, i dati sono elaborati da LOIM.
Alcune informazioni sono state ottenute da fonti pubbliche ritenute attendibili, ma in assenza di una verifica indipendente non possiamo garantire la loro correttezza e completezza.
I giudizi e le opinioni qui espresse hanno esclusivamente scopo informativo e non costituiscono una raccomandazione di LOIM a comprare, vendere o conservare un titolo. I giudizi e le opinioni sono validi alla data della presentazione, possono essere soggetti a modifiche e non devono essere intesi come una consulenza di investimento. Non dovrebbero essere intesi come una consulenza di investimento.
Il presente documento non può essere (i) riprodotto, fotocopiato o duplicato, in alcuna forma o maniera, né (ii) distribuito a persone che non siano dipendenti, funzionari, amministratori o agenti autorizzati del destinatario, senza il previo consenso di Lombard Odier Funds (Europe) S.A. ©2022 Lombard Odier IM. Tutti i diritti riservati.